Skip to main content
Il Centro Pecci di Prato

Prato: al via «Centro Pecci dei Lettori», festival per le nuove generazioni

FIRENZE – Non finisce di espandersi il festival La Città dei Lettori: giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27 maggio 2023, presso il Centro per l’arte contemporanea “Luigi Pecci” di Prato si terrà la prima edizione di Centro Pecci dei Lettori, evento che nasce dall’incontro tra il festival La città dei lettori e Centro Pecci Books – Voci, scritture e immagini del contemporaneo. La sinergia non poteva che avvenire all’insegna dell’innovazione e della ricerca: di nuovi autori, di nuovi linguaggi, di nuove modalità di scrittura, di dialogo e di fruizione. Il lavoro capillare sul territorio toscano de La città dei lettori – progetto culturale di promozione del libro e della letteratura che da sei anni catalizza autori, illustratori, traduttori e curatori di primo piano, a cura di Associazione Wimbledon APS con la direzione di Gabriele Ametrano – ha trovato una sua specificità nel Centro pratese dell’arte contemporanea, un luogo che ha per vocazione la creatività, la costante ricerca e il dialogo. Centro Pecci dei Lettori è un “festival generazionale” 0-25 che, coinvolgendo le scuole di ogni ordine e grado, punta a declinare – contemporaneamente – la letteratura per bambini e per ragazzi, la fiaba e l’illustrazione insieme alle nuove case editrici anche digitali, alle graphic novel, ai booktoker ed ai manga.

Centro Pecci dei Lettori si inaugura giovedì 25 alle h.11.00, in Sala Bianca (1° piano), con l’incontro assembleare tra 200 studenti del Liceo scientifico-linguistico “Carlo Livi” di Prato e l’autore-cult Bernardo Zannoni che con il suo primo libro I miei stupidi intenti (Sellerio) ha conquistato il Premio Campiello 2022: il più giovane autore, in 60 anni, a vincere il prestigioso premio letterario. Il primo laboratorio (h.16.30), coordinato dal dipartimento Educational del Centro Pecci, è affidato alla traduttrice Daniela Almansi che presenta La Crociata dei Bambini (Orecchio Acerbo, 2022) su testo di Bertolt Brecht e illustrata da Carme Solé Vendrell: una storia che si ripete nel tempo, che attraversa la storia; una ballata nei versi taglienti del grande drammaturgo e poeta e nella tenerezza struggente dei bambini ritratti dall’artista catalana. L’infanzia, ancora una volta tradita, ancora una volta inerme, in cerca del proprio posto in un mondo impazzito, al principio di una guerra: un libro, oggi più di ieri, necessario. L’inaugurazione pomeridiana (h.18.00) è invece affidata allo scrittore Premio Strega Nicola Lagioia che lunedì 22 ha chiuso la sua ultima edizione, la 35° per la precisione, del Salone del Libro di Torino che ha diretto ininterrottamente dal 2017. L’autore di Riportando tutto a casa, La ferocia, La città dei vivi terrà un’intrigante lectio a tema: Presto saprò chi sono. Una lezione sull’arte di raccontare storie attraverso la letteratura, da Omero ad Amelia Rosselli. Si prosegue, alle h.19.30, con Le parole dell’Eros – incontro del ciclo Trilogia dell’Eros a cura di Emanuele Coen – in cui il disegnatore Giulio Mosca, più noto come Il Baffo, in dialogo con la linguista Vera Gheno presenta Ossitocina (Feltrinelli Comics, 2022), la sua più recente graphic novel in cui racconta sentimenti generazionali e non solo. Quali sono le origini dell’amore? Cos’hanno in comune il legame con un genitore, una cotta giovanile, un rapporto sessuale e l’affetto per un animale domestico? Può esistere ancora, dopo tanti anni, una prospettiva inesplorata della propria “metà”? Il personaggio del Baffo è un autentico fenomeno, con un seguito su Instagram di mezzo milione di follower. La prima giornata si conclude, alle h.21.00, con uno dei migliori scrittori della nuova generazione, Mattia Insolia (classe 1995) che in dialogo conLuca Starita presenta il suo secondo libro, Cieli in fiamme (Mondadori, 2023), un romanzo potente in cui la generazione dei figli guarda i genitori e li scopre inadeguati, adolescenti loro stessi, una visione dura ma nient’affatto priva di pietas. Pur così giovane, Mattia Insolia ha la determinazione di esplorare la confusione, le contraddizioni, il furore, la vitalità di due generazioni: genitori e figli. Nella sua scrittura convivono in maniera originale ed esplosiva un’essenza antica, un passo da tragedia e una sensibilità totalmente contemporanea. Il suo primo romanzo, Gli affamati (2020), è stato proposto al Premio Strega e tradotto in Francia e in Germania.

Due incontri con le scuole e la letteratura per bambini e per ragazzi, coordinati dall’Area Educational del Centro Pecci, aprono la mattina di venerdì 26 maggio. Alle h.10 Giovanni Colaneri con il suo La leggenda di Colapesce fresco di stampa (Corraini, aprile 2023): ormai sono passati più di mille anni da quando Colapesce è sceso negli abissi; il mondo in superficie nel frattempo però è cambiato e Colapesce si chiede come sia diventato. L’autore proporrà al suo giovane pubblico di scrivergli una lettera per raccontarlo, anzi di disegnarlo! Dopo la lettura dell’albo illustrato, Giovanni Colaneri inviterà i bambini e le bambine a disegnare il loro messaggio per Colapesce in piena libertà. Lo scopo del laboratorio è invitare le bambine e i bambini a riflettere e porsi domande sul mondo che li circonda, a esprimere in libertà il loro pensiero disegnando, per ribadire l’importanza dell’universalità del linguaggio delle immagini.

Alle h.11.00, Giorgia Pallaoro presenta il suo recente Re Laurino (Corraini, 2022) e partendo dalla lettura di Il roseto di Re Laurino, il primo volume della collana Storie in viaggio edita da Corraini Edizioni con Poste Italiane, illustra le figure leggendarie delle Dolomiti e delle Alpi orientali, soprattutto legate alle piante e ai fiori: i momenti narrativi verranno alternati da momenti più creativi dove i giovani partecipanti disegneranno una loro versione delle figure presentate. 

Alle. h.16.30, un laboratorio con illustratori d’eccezione e di grande curiosità: “disegnare le espressioni manga” con Caterina Rocchi, fondatrice e direttrice della Lucca Manga School, con alcuni dei suoi allievi. All’età di 14 anni, Caterina Rocchi è volata per la prima volta a Tokyo per imparare dai Maestri giapponesi la tecnica dei manga e così per le dieci estati successive poi, nelle festività natalizie, ha iniziato ad invitare i Maestri a Lucca per brevi corsi che negli anni si sono sviluppati fino alla realtà attuale di Lucca Manga School: un’Accademia specializzata con una propria sede, quattro classi, un team di 18 insegnanti e un campus per ospitare gli studenti che arrivano da tutta Italia e dall’estero. Alle h.18, Robinson, Booktoker e Mercato editoriale,incontro con Sara Scarafia, giornalista e animatrice/fondatrice del booktok di Robinson, e le booktoker Elisa Alfano @leggoromance e Elisa Lunardelli @booksbyelisa. Spazio dunque al sorprendente mondo dei giovanissimi lettori e lettrici che animano l’hashtag di lettura di TikTok e che stanno letteralmente rivoluzionando l’universo del libro, affermandosi in breve tempo come la community in grado di determinare le classifiche dei libri più venduti, non solo freschi di stampa, ma ripescando dai cataloghi delle case editrici titoli dimenticati, trasformandoli in bestseller. Già nell’estate del 2022, Sara Scarafia comincia a seguire il fenomeno su Robinson dedicandogli spazio e inchieste e, settimana dopo settimana, i booktoker si confermano come appuntamento fisso sul settimanale culturale de La Repubblica. Alle h.19.30 presentazione diQuasi di nascosto, un’antologia under 25pubblicata nel febbraio 2023 daAccento Edizioni, la nuova casa editrice lanciata dal conduttore televisivo Alessandro Cattelan. Cosa scrivono oggi i giovani e i giovanissimi? Creata sul modello dello storico progetto Under 25 curato da Pier Vittorio Tondelli negli anni ’80, l’antologia Quasi di nascosto – 12 tra autori e autrici – nasce per rispondere a questa domanda: vuole indagare sulla realtà che i ragazzi vivono e scelgono di raccontare e allo stesso tempo offre un panorama di voci nuove, fra le quali potrebbero comparire alcune giovani promesse della nostra narrativa futura. Incontro con Eleonora Daniel (editor) e le autrici: Michela Panichi (Premio Campiello Giovani 2020), Emma Cori e Aminata Sow in dialogo con il direttore del Centro Pecci, Stefano Collicelli Cagol, e il direttore de La città dei lettori, Gabriele Ametrano. Si conclude, alle h.21.00, la seconda giornata di Centro Pecci dei Lettori con Perché il Manga piace tanto ai giovani (e al mercato): incontro-dibattito sul Mondo Manga con Caterina Rocchi (fondatrice e direttrice Lucca Manga School) e Renato Franchi (marketing executive).

Sabato 27, due incontri sulla letteratura per bambini, coordinati da dipartimento Educational del Centro Pecci. Alle h.10.00, lettura animata con Alberto Lot e il suo nuovo libro, Il dubbio (Minibombo 2022): un topo e un coccodrillo erano amici di lunga data; così, quando quel giorno il coccodrillo disse: «Topo, non trovo più le mie maracas… temo di averle mangiate!», il suo amico non ci pensò due volte ad aiutarlo. Lo stomaco del coccodrillo, però, è più affollato di quello che ci si aspetterebbe, il topo infatti non è il solo a essersi lanciato in questa ricerca. Un dubbio si fa allora largo nella mente del piccolo roditore: e se fosse stato mangiato? Impossibile, un amico non lo farebbe mai… o no? Alle h.16.00, Laboratorio per famiglie a cura dell’Area Educational del Centro Pecci: Librarsi – Libri ad Arte.

INFO www.lacittadeilettori.it

Centro Pecci dei Lettori, fumetti, La Città dei Lettori, letteratura, letteratura per ragazzi, libri, prato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741