Skip to main content

Ue: nuove sanzioni contro Putin. Che aumenta la produzione di droni e mette fuorilegge il Wwf

Vladimir Putin

BRUXELLES – “Accolgo con favore l’accordo politico sul nostro 11esimo pacchetto di sanzioni. Il pacchetto infliggerà un ulteriore colpo alla macchina da guerra di Putin con restrizioni all’esportazione più severe, mirate alle entità che sostengono il Cremlino. Il nostro strumento antielusione impedirà alla Russia di mettere le mani sui prodotti sanzionati”. Lo scrive in un tweet la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen dopo il via libera all’undicesimo pacchetto di sanzioni,

MOSCA – La Russia aumenterà la produzione massiccia di droni e rafforzerà il loro dispiegamento sul campo. Ad annunciarlo è stato oggi il presidente russo Vladimir Putin, rivolto ai diplomati delle accademie militari russe al Cremlino. “Il miglioramento e la produzione di sistemi di difesa cresceranno, così come il dispiegamento di veicoli aerei senza pilota e sistemi di attacco robotico alle truppe, che si sono dimostrati efficaci in situazioni di combattimento”, ha affermato Putin in un’intervista a Rossiya 24. “Accelereremo la loro produzione. È necessario fornire questa attrezzatura a tutte le unità militari, comprese squadre, plotoni, compagnie e battaglioni”.

WWF – “Sulla base dei risultati di un audit, la Procura generale russa ha deciso di riconoscere le attività dell’organizzazione internazionale non governativa World Wildlife Fund for Nature (Wwf) come indesiderabili sul territorio della Federazione Russa”. Lo ha riferito ai giornalisti il servizio stampa della Procura generale russa, come riporta l’agenzia Tass. Secondo il report, le attività di protezione e sensibilizzazione ambientale guidate dal cittadino britannico N. Isdell sono utilizzate dal Wwf come “copertura per l’attuazione di progetti che costituiscono una minaccia per la sicurezza della Federazione Russa nella sfera economica”. 

AGGIORNAMENTO DELLE 18,31

”Dopo Greenpeace, anche il Wwf è stato messo al bando in Russia perché attenta alla sicurezza nazionale. È una follia del dittatore Putin, che, dopo aver aggredito l’Ucraina, prosegue nel suo disegno di costruire un ordine mondiale a sua immagine e somiglianza”. Così il co-portavoce di Europa Verde e deputato di Avs Angelo Bonelli.

”È evidente – aggiunge – che l’attacco alle associazioni ambientaliste viene messo in atto per difendere gli interessi dei grandi giacimenti di petrolio e gas di cui la Russia dispone, che perderebbero di valore con la transizione ecologica. Mentre si chiudono le associazioni ambientaliste, perché essere ecologista è un reato in Russia, l’agenzia di stampa russa Sputnik veicola le fake news più imponenti contro il cambiamento climatico e a favore delle fonti fossili”.

“Putin è un pericoloso dittatore, e l’Europa fa bene a contrastarlo anche sul piano dei valori. Ricordo che Putin sostiene che omosessuali, lesbiche e transgender possano essere internati in cliniche per il riorientamento sessuale”.

putin, sanzioni, Wwf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741