Skip to main content

Gaza: attacco israeliano all’ospedale e alle ambulanze. Israele: “Hamas le usa per spostare miliziani armati”

GAZA – La Mezzaluna Rossa palestinese ha condannato l’attacco da parte delle forze israeliane contro un convoglio di ambulanze a Gaza, nel quale sono morte 15 persone e oltre 60 sono rimaste ferite. Ma Fonti Usa, rilancite dai giornali israeliani, rivelano che quelle ambulanze erano usate per nascondere e trasportare, insieme ai feriti, anche miliziani armati di Hamas.

Ma andiamo per ordine: in un comunicato, l’organizzazione afferma che una delle sue ambulanze è stata colpita ieri “da un missile lanciato dalle forze israeliane” a circa 2 metri dall’ingresso dell’ospedale al-Shifa di Gaza City. Un’altra ambulanza, appartenente al ministero della Salute, è stata “è stata presa di mira direttamente” da un missile a circa un chilometro dall’ospedale, provocando feriti e danni. La Mezzaluna rossa ha aggiunto che prendere di mira deliberatamente le équipe mediche costituisce “una grave violazione delle Convenzioni di Ginevra, un crimine di guerra”, scrive il Guardian.

La fonte Usa, che avrebbe avuto riscontri anche in Egitto, ha detto che “Hamas ha cercato di far uscire con le ambulanze i suoi combattenti da Gaza via Rafah, rallentando così gli sforzi per evacuare gli stranieri”.

Lo riportano i media israeliani, ai quali la fonte ha riferito che “Hamas ha fornito all’Egitto e agli Usa una lista di persone ferite gravemente che volevano far evacuare insieme a centinaia di stranieri in attesa di uscire”. Usa ed Egitto hanno scoperto che “un terzo dei nomi erano combattenti, nessuno dei quali figurava tra i 76 palestinesi feriti e alla fine evacuati”.

Almeno due persone sono rimaste uccise la scorsa notte ed altre ferite in un attacco israeliano di fronte all’ingresso dell’ospedale per bambini al-Nasser, a Gaza City. Lo riferisce il ministero della Sanità locale.

L’aviazione israeliana ha colpito oggi con un missile l’abitazione di Ismail Haniyeh, il capo dell’ufficio politico di Hamas, nel campo profughi Shati, a nord di Gaza City. Lo riferiscono fonti locali. Haniyeh si è trasferito nel Qatar nel 2019. Al momento non è noto se l’attacco abbia provocato vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741