Skip to main content

Scomparsa Samuele Landi, il legale: “Impronte sul cadavere a Dubai sono uguali”

AREZZO – I primi riscontri delle indagini condotte dalla polizia degli Emirati non sembrano lasciare dubbi: le impronte digitali del cadavere coincidono con quelle di Samuele Landi, imprenditore aretino ed ex-amministratore di Eutelia, scomparso nel mare di Dubai dove viveva su un’isola artificiale galleggiante in acque internazionali.

I familiari di Landi avrebbero ricevuto nelle ultime ore dalle autorità locali una comunicazione informale, verbale – ma non con documenti -, riguardo la corrispondenza. E’ quanto emerge dall’avvocato Antonio Disegni. Samuele Landi, ex amministratore delegato dell’azienda di telecomunicazioni e telefonia Eutelia, andata in bancarotta, è latitante all’estero per le autorità italiane, dovendo scontare una condanna definitiva.

Peraltro, l’avvocato Disegni in queste ore avrebbe bisogno della firma dell’uomo per un ricorso in Cassazione verso l’ultima condanna a 6 anni e 6 mesi per il crac romano di Agile, società ex Eutelia. “Il ricorso va presentato entro il 17 febbraio e notificato a 800 parti civili, se non viene fatto subito non si fa in tempo”, ha detto l’avvocato per il quale “10 giorni di scomparsa in mare sono comunque preoccupanti”.

Dubai, eutelia, Samuele Landi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741