Skip to main content

Week end 24-25 febbraio a Firenze e in Toscana: spettacoli ed eventi

Il carnevale di Viareggio, che si conclude sabato 24

FIRENZE – Non pochi gli eventi del week end a Firenze e in Toscana. Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Piazza Vittorio Gui), in Sala Mehta, sabato 24 alle 20 sul podio alla guida dell’Orchestra e del Coro del Maggio c’è il figlio d’arte Min Chung; in programma la sublime Rapsodia n. 53 per contralto, coro maschile e orchestra e il Gesang der Parzen (Canto delle Parche) di Johannes Brahms e la celebre Sinfonia n. 3 “Scozzese” di Felix Mendelssohn-Bartholdy. Voce solista nella Rapsodia di Brahms uno dei talenti che frequentano l’Accademia del Maggio, il contralto  Danbi Lee. Il maestro del Coro è Lorenzo Fratini. Settore D: 20€; Settore C: 35€; Settore B: 50€; Settore A: 70€; biglietti in vendita anche sul sito del Maggio senza sovrapprezzo

Al Teatro della Pergola (via della Pergola 30, Firenze), dal 20 al 25 febbraioNeri Marcorè torna a confrontarsi con Fabrizio De André in un nuovo spettacolo di teatro-canzone che fa rivivere sul palcoscenico La Buona Novellaalbum pubblicato dal grande cantautore genovese nel 1970. Drammaturgia e regia di Giorgio Gallione. Dopo il tutto esaurito al Teatro Era di Pontedera nello scorso fine settimana, se ne preannuncia un altro a Firenze. Sul palco anche Rosanna Naddeo. Arrangiamenti e direzione musicale Paolo Silvestri, voce e chitarra Giua, voce, chitarra e percussioni Barbara Casini, violino e voce Anais Drago, pianoforte Francesco Negri, voce e fisarmonica Alessandra Abbondanza. Biglietti da 17 a 35 euro; online suteatrodellatoscana.vivaticket.it Dettagli e orari biglietteria:www.teatrodellatoscana.it

Sabato 24 alle 16 al Teatro della Pergola, si esibiscono in concerto Alena Baeva al violino e Vadym Kholodenko al pianoforte. Coppia nell’arte e nella vita, eseguiranno Märchenbilder, op. 113 di Schumann, la Fantasia in do maggiore, D. 934 di Schubert, Fantaisie di Messiaen e la Sonata n. 9 in la maggiore, op. 47, “A Kreutzer” di Beethoven. Alena Baeva suona un Guarneri del Gesù “ex-William Kroll” del 1738, prestato generosamente da un anonimo mecenate. Domenica 25 febbraio, ore 21.00, presso la Sala del Buonumore “P. Grossi” del Conservatorio Cherubini di Firenze torna invece il ciclo “Musica &…”, ideato da Andrea Lucchesini e dedicato alle contaminazioni artistiche. Questa volta l’unione è tra musica e teatro, con l’attore Sandro Lombardi che rende omaggio a Ovidio con uno spettacolo in cui sarà affiancato da Domenico Nordio al violino, Giovanni Gnocchi al violoncello e Orazio Sciortino al pianoforte.  In programma musiche di Szymanowski, Liszt, Janáček. Biglietti a partire da 13 € in vendita online e nei punti vendita del circuito VivaTicket. Dettagli www.amicimusicafirenze.it

Al Teatro Verdi di Firenze in scena fino a domenica 25 il musical Cats; composto nel 1981 da Andrew Lioyd Webber con aggiunte di Trevor Nunn e Richard Stilgoe Trevor Nunn e Richard Stilgoe, si basa sulla raccolta di poesie Il libro dei gatti tuttofare pubblicato nel 1939 da Thomas S. Eliot.  Con un grande cast di artisti, il musical prevede illusionismo e magia con gli effetti speciali affidati al gatto mago Mr.Mistoffelees ed anche una novità. Per la prima volta e con l’autorizzazione dell’autore, Cats  è ambientato a Roma, in una ipotetica e futuristica “discarica” di opere d’arte e di reperti archeologici, con il Colosseo sullo sfondo. Un’irresistibile colonia di gatti umanizzati che cantano e ballano sulle rovine della Città Eterna in una magica atmosfera scandita da fantasia, dramma, romanticismo e grande musica. https://www.teatroverdifirenze.it/programma/cats/ 

 Dal 23 al 25 febbraio alla Stazione Leopolda (viale Fratelli Rosselli) terza edizione di “Testo”, il salone dedicato all’editoria contemporanea e ai suoi protagonisti organizzato da Pitti Immagine e ideato da Todo Modo; 149 case editrici, di cui 55 al debutto, e un ricco programma di eventi, presentazioni, laboratori, progetti e partecipazioni speciali. Tra gli ospiti internazionali ci saranno: Bernardo Atxaga, Anne Bony, Björn Larsson, Alain Mabanckou, Sara Mesa, Maddie Mortimer, Marie Nimier, Christian Guay-Poliquin, Sylvie Richterová, Lydie Salvayre, Malachy Tallack, Dizz Tate, Sylvain Tesson, Azaaren Van der Vliet Oloomi, Tamar Weiss Gabbay, Nick Thorpe; tra gli italiani Niccolò Ammaniti, Dino Baldi, Jonathan Bazzi, Daria Bignardi, Massimo Cacciari, Edoardo Camurri, Alessandro Cattelan, Ermanno Cavazzoni, Giulia Corsalini, Filippo D’Angelo, Milo De Angelis, Pietro Del Soldà, Paolo di Paolo, Claudia Durastanti, Lorenzo Fantoni, Antonio Franchini, Gabriele Frasca, Luciano Funetta, Ilaria Gaspari, Vera Gheno, Tommaso Giartosio, Carlo Ginzburg, Gipi, Wlodek Goldkorn, Graziano Graziani, Gian Marco Griffi, Pietro Grossi, Ginevra Lamberti, Francesco Maino, Stefano Mancuso, Federica Manzon, Melania Mazzucco, Tomaso Montanari, Andrea Morstabilini, Sacha Naspini, Francesco Pacifico, Alessandro Piperno, Laura Pugno, Christian Raimo, Lidia Ravera, Vanni Santoni, Luca Scarlini, Nadia Terranova, Emanuele Trevi, Maurizio Trifone, Chiara Valerio, Roberto Vecchioni, Marco Vichi, Selene Zorzi. Arriveranno in Stazione Leopolda anche nomi del mondo dello spettacolo, come Alessandro Cattelan che in veste di editore presenterà “Accento”, e Roberto Vecchioni con il libro Tra il silenzio e il tuono.

Sabato 24 febbraio ore 21 al Teatro Cantiere Florida di Firenze (via Pisana 111 Rosso) La Ferocia, adattamento dall’omonimo romanzo di Nicola Lagioia vincitore nel 2015 sia del Premio Strega che del Premio Mondello a cura del collettivo premio Hystrio VicoQuartoMazzini; una saga familiare contemporanea per denunciare la furia del sistema patriarcale. Vittorio Salvemini – interpretato da Leonardo Capuano – costruttore pugliese arrivato a Bari poco più che trentenne, dagli anni ‘70 ha inanellato una serie di successi che l’hanno messo a capo di un impero di cantieri edili su cui non tramonta mai il sole, da Phuket a Parigi passando per Istanbul. Ma quando il cadavere della figlia Clara viene trovato sulla provinciale che collega Bari a Taranto la sua ascesa sfrenata comincerà a vacillare. Una produzione SCARTI Centro di Produzione Teatrale d’Innovazione (insieme a Elsinor, Romaeuropa Festival, LAC – Lugano Arte e Cultura, Teatri di Bari e Teatro Nazionale di Genova), con la regia di Michele Altamura e Gabriele Paolocà; info www.teatroflorida.it).

La storia del più̀ grande impero di tutti i tempi rivive la sua perenne attualità attraverso la lettura acuta e illuminante del giornalista Aldo CazzulloSabato 24 alle 21, l’autore presenterà Quando eravamo i padroni del mondo. Roma: l’impero infinito”(ed. HarperCollins) al Teatro della Comunità Giovanile San Michele (via Pietro di Cosimo, 21 – Firenze). In dialogo con Cazzullo saranno presenti Agnese Pini, direttrice La Nazione e Quotidiano Nazionale, e Cosimo Calamini, scrittore e sceneggiatore. Per la Comunità Giovanile San Michele interverranno anche il presidente Maurizio Cammilli ed Eva Carrai, che introdurrà l’iniziativa.

Primo appuntamento del 2024 per Musei in Musica domenica 25 alle 10 e alle 11.30 al Memoriale delle Deportazioni (Memoriale di Auschwitz, viale Giannotti 81, Firenze). Il progetto, sviluppato grazie alla collaborazione fra MUS.E e l’orchestra filarmonica fiorentina La Filharmonie, consente di intrecciare i diversi linguaggi artistici – visivi e musicali – per fruire del patrimonio civico in forma assolutamente speciale; un’occasione per commemorare le vittime dell’Olocausto attraverso la musica di Wolfgang Amadeus Mozart. Partecipazione gratuita, prenotazione obbligatoria: 055-2768224

Domenica 25 alle 10.30, nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (Largo Brambilla 3, Padiglione NIC 3, ingresso libero) proseguono i concerti dei vincitori di Attraverso i Suoni, all’interno della stagione “Careggi in Musica”: si esibisce il Trio Desìoformato da Adamo Rossi al violino, Erika Italiani al violoncello e Andrea Redigonda al pianoforte. Eseguiranno il Trio n. 3 in Do min op. 101 di J. Brahms e il Trio n. 1 in do maggiore, op.49 di D. Šostakovič

Al Palazzo dei Congressi dal 23 al 25 febbraio c’è TourismA, Salone Archeologia e Turismo culturale. Ingresso libero

Alla Fortezza da Basso da venerdì 23 a lunedì 26, ore 9-20, c’è Danzainfiera, evento di Pitti Immagine per ballerini, scuole, compagnie di danza e aziende; spazi espositivi, aule e palchi; 400 eventi in programma nei 14 padiglioni con 17 competizioni internazionali. Ingresso intero 22 €; ridotto 14 (da conservare se interessati a opere o balletti al Maggio, perché frutta un grosso sconto su alcune recite); dettagli https://danzainfiera.pittimmagine.com/

Ha riaperto il 21 nella storica sede di via Romana il Museo de La Specola, una delle eccellenze del Sistema Museale dell’Ateneo fiorentino, che si presenta nuovamente al pubblico dopo un imponente intervento di riqualificazione, finanziato dall’Università di Firenze e dalla Regione Toscana. Gli ingressi e le prenotazioni sono su www.sma.unifi.it. I primi quattro giorni di ingressi gratuiti (dal 22 al 25 febbraio) offerti alla cittadinanza hanno già registrato il tutto esaurito (ma qualcuno può rinunciare all’ultimo momento. Tredici le nuove sale espositive, per 700 metri quadri complessivi, dove trovano ospitalità i nuovi percorsi dedicati agli inizi della ceroplastica, alle cere botaniche e alla mineralogia, che affiancano da oggi le collezioni della zoologia e delle preziose cere anatomiche, il Salone degli scheletri, la Tribuna di Galileo e il Torrino astronomico, che ospitava l’osservatorio a cui La Specola deve il nome.

Al Teatro Puccini (via delle Cascine 41) domenica 25 alle 16.45 nell’ambito della rassegna Per grandi e Puccini andrà in scena “Pinocchio” di Zaches Teatro, liberamente ispirato a “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi. Premio amico Pinocchio 2017 della fondazione Carlo Collodi. Età consigliata dai 7 anni, durata 60 minuti. Biglietti: posto unico numerato € 8 esclusi diritti di prevendita; in vendita anche su www.teatropuccini.it

Al Teatro Lumiére sabato 24 alle 20.45 e domenica 25 alle 16.45 Torneranno a volare le rondini della Compagnia I Giardini dell’arte; testo e regia di Marco Lombardi, con Laura Bozzi, Margherita Tiesi, Rosanna Reccia, Aldo Innocenti, Roberta Sabatini, Chiata Foianesi, Michele Cimmino, Matelda Giachi, assistente regia Sandra Bonciani, musiche originali Marco Simoni, costumi Fiamma Mariscotti, disegno Luci e scena Silvia Avigo; prenotazioni whatsapp al 353 4622650.

Sabato 24 e domenica 25 in Piazza dei Ciompi mercato vintage: vasta selezione di dischi in vinile e CD di musica anni ‘70/’80/’90 con banchi di nuovi arrivi, fumetti e gadget da collezione (figurine, giocattoli vintage e molto altro), abbigliamento vintage delle migliori firme, oggetti di modernariato.

Sabato 24 alle 20 all’Accademia della Crusca nella Villa Medicea di Castello La Compagnia delle seggiole presenta  Sao ko kelle terre, spettacolo dedicato alla lingua italiana scritto da Marcello Lazzerini in collaborazione con Antonia Ida Fontana e promosso assieme all’Accademia della Crusca. Info biglietti https://www.lacompagniadelleseggiole.it/

Domenica 25 alle al Brillante – Nuovo Teatro Lippi di Firenze si apre “Move On”, rassegna organizzata da Music Pool con la collaborazione di Arci col concerto di Cosimo Boni Quintet. Ingresso € 10/ 12 + d.p., info www.eventimusicpool.it

Sabato 24 alle 22 al Glue (viale Manfredo Fanti 20) suonano Giuliano Palma e The Bluebeaters; www.gluefirenze.com

Florence Eye non si ferma con la fine del Carnevale e l’iconica festa mascherata di febbraio viene celebrata sulla ruota panoramica più alta d’Italia all’ingresso del Parco delle Cascine; anche domenica 18 il villaggio del divertimento fiorentino ospiterà varie occasioni pensate per famiglie e bambini, cittadini e turisti: musica, animazione, ma anche clown e acrobati del mondo circense, saranno protagonisti di questi weekend di festa. 

depositi visitabili dei Musei Civici Fiorentini hanno trovato casa nel complesso di Santa Maria Novella; tra gli artisti esposti ci sono Fontana, Guttuso, Carrà, De Pisis, Mafai, Cagli, Morandi. Le visite guidate, curate da MUS.E sono in programma ogni sabato di febbraio (alle 10, alle 11 e alle 12) e daranno la possibilità di scoprire non solo le opere che vi sono conservate, ma anche il ‘dietro le quinte’ del funzionamento di un moderno deposito museale. Biglietti: intero € 6,00, ridotto € 3,00 per 18-25 anni e studenti universitari, gratuito per minori di 18 anni, guide turistiche e interpreti, giornalisti, disabili e rispettivi accompagnatori, possessori Card del Fiorentino, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM); non è incluso l’accesso al complesso di Santa Maria Novella. Ingresso: piazza Stazione, 4. Durata della visita:  50 minuti, prenotazione obbligatoria: 055-2768224.

Al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino per Intercity Winter 2024 sabato 24 e domenica 25 ore 20.30 Dimitri Milopulos in De profundis. The sound of silence da De profundis di Oscar Wilde; scene, luci, adattamento e regia Dimitri Milopulos, coreografie Giuseppe Iacoi, assistente alla regia Marta Giusti, produzione Associazione Culturale Teatro della Limonaia; prima assoluta. Milopulos, a qualche anno da Dal profondo del mio cuore, affronta nuovamente le pagine di Wilde in un’opera nuova e diversa dalle precedenti. Biglietti: € 16 intero, € 13 ridotto.

Andrea Battistoni dirige l’Orchestra della Toscana (ORT) con Dmitry Masleev solista al pianoforte in una nuova produzione dal programma tutto russo: Pëtr Il’ič Čajkovskij, Concerto n.1 per pianoforte e orchestra op.23; Alexander Borodin, Nelle steppe dell’Asia centrale e Nikolaj Rimskij-Korsakov, Sinfonietta su temi russi op.31. Cinque le date, a partire da quella di sabato 24 alle 21 al Palazzo delle Esposizioni di Empoli. Biglietti da € 5 a € 15, online su www.eventbrite.it

Sabato 24 alle 21, al Teatro Corsini di Barberino di Mugello (viale della Repubblica 3) U.MANI, da un’idea di Annarita Colucci, regia Roberto Andolfi, con Annarita Colucci, Dario Carbone, Valeria D’Angelo, Anton De Guglielmo, Michele Galella, produzione Illoco teatro. Un’avventura raccontata con le mani, fra immaginazione e nuove tecnologie. Una serie di mini-set compongono la scena abitata da Clara, la protagonista, le cui avventure sono riprese dal vivo e montate in tempo reale davanti agli occhi degli spettatori. Ispirato al testo di narrativa per ragazzi “Il bambino senza televisione” di Luana Vergari, è uno spettacolo per tutte le età. Intero € 12,00 | Ridotto € 10,00 | Studenti € 8. www.catalyst.it

Sagra delle frittelle al Circolo Sms di San Donato in Collina (FI), un evento organizzato ogni anno dal 1978; ogni sabato e domenica fino al fine settimana più vicino al 19 marzo.

Al Saloncino della Musica di Palazzo de’ Rossi di Pistoia sabato 24 alle 20.30 per la Stagione Pistoiese di Musica da Camera Enrico Bronzi, violoncello, e Francesca Sperandeo, pianoforte eseguono : Sergej Prokof’ev, Sonata in do maggiore per violoncello e pianoforte op.119; Claude Debussy, Sonata n. 1 in re minore per violoncello e pianoforte L 144; Dmitrij Šostakovič, Sonata in re minore per violoncello e pianoforte op. 40. Biglietti: da 8 a 20 euro, online su www.bigliettoveloce.it

ArkAttak, la nuova formazione guidata da Luca Provenzani, approda domenica 25 alle 16.30 al Teatro Pacini di Pescia (PT), secondo appuntamento della sezione musica, curata da Daniele Giorgi, nell’ambito della Stagione 2023/24 promossa da Teatri di Pistoia con l’Amministrazione comunale. A loro, nel concerto CELLO FAN, si uniscono le prime parti di importanti orchestre e stimati docenti; a dirigere, un nome che non ha bisogno di presentazione, Federico Maria Sardelli. In programma il Concerto in sol minore per due violoncelli e orchestra di Antonio Vivaldi, il Concerto in do maggiore per violoncello e orchestra di Franz Joseph Haydn (affidato al talento della giovane solista Maria Salvatori), il Concerto per 2 Violoncelli in do maggiore di Federico Maria Sardelli e, in chiusura, Violoncelles, Vibrez di Giovanni Sollima. Alle 16, “Scopriamo il violoncello”, incontro a tu per tu con i musicisti (al termine del concerto, è previsto un piccolo aperitivo). Biglietti da 8 a 18 euro. Prevendita Biglietteria del Teatro Pacini (0572495161) sabato 24 febbraio ore 11/13 e 16/19; domenica 25 febbraio la biglietteria aprirà alle ore 15 alle 16.30 Biglietti disponibili anche online su www.bigliettoveloce.it e alla Biglietteria del Teatro Manzoni (0573 991609-27112).

Al Carnevale di Viareggio ultimo corso mascherato sabato 24, A partire dalle 17 sfilerà sui viali a mare l’ultimo corso mascherato, per l’occasione in versione notturna. E dopo il corso ci sarà la lettura dei verdetti della Giuria e lo spettacolo pirotecnico finale.; ventinove le opere allegoriche che sfilano sui Viali a Mare: nove carri di prima categoria, quattro di seconda, otto mascherate in gruppo e otto maschere isolate. Futura è il tema del Fuori Corso, il programma di iniziative culturali comprese nel calendario del Carnevale: sei mostre d‘arte, concerti, spettacoli musicali, ospiti, conferenze, presentazioni di libri. Dettagli e prezzo dei biglietti su https://viareggio.ilcarnevale.com/

Nel borgo medievale di Foiano della Chiana (Ar), domenica 25 si chiude la 485esima edizione del Carnevale che vanta più storia. «Il Carnevale di Foiano della Chiana, tra le più rinomate manifestazioni del genere in Italia, torna ad animare le vie del borgo storico non solo con i giganti di cartapesta, ma con tante attività collaterali Per i più piccoli ci saranno i consueti appuntamenti con Carnevalandia, il Carnevale dei Bambini, con le parate della Disney e le sfilate in maschera, oltre a una area totalmente dedicata con spettacoli, mini carri di cartapesta, trenini, giostre e giochi completamente gratuiti. Mostre d’arte, raduni di auto e moto e tante opportunità per i camperisti con pacchetti mirati all’ospitalità. Il programma completo della manifestazione e altre informazioni sul sito www.carnevaledifoiano.it

Ugo Chiti prende Falstaff, personaggio creato da Shakespeare, e lo resuscita; Alessandro Benvenuti lo interpreta sul palcoscenico, conciliando comicità e malinconia. Si rinnova così un sodalizio storico che unisce il drammaturgo e regista più volte premiato e il capocomico che furoreggia sulle scene da cinquant’anni. Domenica 25 alle 21.15 sarà al Teatro Poliziano di Montepulciano (Via del Teatro, 4) Falstaff a Windsor, l’ambizioso spettacolo che coinvolge la compagnia Arca Azzurra per proporre una nuova versione del superbo personaggio scespiriano: il cast annovera anche Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Paolo Cioni, Paolo Ciotti, Elisa Proietti. Ispirandosi tanto ai drammi storici Enrico IV e Enrico V, quanto alla figura farsesca che emerge da Le allegre comari di Windsor, questo adattamento restituisce il carattere dell’antieroe, gigione e irridente. Restando fedele a Le allegre comari di Windsor, Ugo Chiti rispetta il tono umoristico della farsa; soltanto all’inizio della commedia, al risveglio da un sogno, e nell’ultima beffa finale, il racconto cambia struttura. La differente narrazione si deve infatti all’intervento di Semola, l’aiutante che fiancheggia Falstaff, facendosi assumere come paggio. Falstaff diviene però l’uomo di un passato da ripudiare: il glorioso cavaliere viene allontanato dai circoli del potere e bandito dal re. Settore 1: 20 euro – Settore 2: 16 euro – Under 30: 10 euro – riduzioni soci Coop Info: www.fondazionecantiere.it – Biglietti online: www.vivaticket.it

Sono riprese le visite guidate del sabato mattina al Museo Zeffirelli in Piazza San Firenze. Informazioni e prenotazioni sul sito della Fondazione Fino al 25 febbraio nella Sala della Musica sono in mostra circa 30 degli costumi di Danilo Donati per il film di Zeffirelli Romeo e Giulietta: presero l’Oscar e altri premi; tutti della premiata sartoria Cerratelli (orario: tutti i giorni 10-18, chiuso lunedì). Allestimento di Pippo Corsi Zeffirelli, figlio adottivo per maestro, presidente della Fondazione e regista, in collaborazione col direttore della Fondazione Casa d’Arte Cerratelli Diego Fiorini, custode di questo patrimonio.

Alle Gallerie degli Uffizi fino al 30 giugno mostra ‘Divina Simulacra. Capolavori di scultura classica della Galleria’, curata da Fabrizio Paolucci e visibile nelle sale espositive al piano terreno (orario: tutti i giorni 8.15-18.30, chiuso lunedì).

Roberto Innocenti. Illustrare il tempo è la mostra promossa da Città Metropolitana di Firenze curata da Paola Vassalli e Valentina Zucchi e organizzata da MUS.E, che dal 22 febbraio al 26 maggio 2024 vedrà Palazzo Medici Riccardi celebrare l’opera dell’illustratore fiorentino. La mostra, allestita nelle Sale Fabiani, offre agli esperti, agli appassionati e al grande pubblico l’occasione di approfondire il lavoro di Innocenti a cavallo fra XX e XXI secolo. Le tavole dell’illustratore – che col suo tratto inconfondibile ha interpretato capolavori immortali della letteratura come Le avventure di PinocchioCanto di Natale, lo Schiaccianoci, solo per citarne alcuni – tanto dense e accurate nei dettagli quanto innovative e ampie nell’impianto e nel taglio visivo, restituiscono al lettore un universo immaginifico ricco di suggestioni e di stimoli. L’attenzione ai personaggi, alle architetture, al paesaggio – esito di un’osservazione minuziosa ed espressa grazie a un tratto nitido – porta Roberto Innocenti a impaginare scenari di grande fascino, entro cui la storia si apre a ulteriori narrazioni e l’osservazione a infinite indagini. Il suo inconfondibile stile, intriso del nitore prospettico della tradizione fiorentina e nel contempo sedotto da una modernissima visione cinematografica, invita il lettore a esplorare un mondo che appare più reale del nostro. I visitatori potranno dunque apprezzare una ricca selezione di lavori, oltre ottanta, ripercorrendo le tappe salienti della sua opera e restituendo il filo rosso tanto del suo lavoro quanto delle storie da lui illustrate. I suoi libri più noti e più amati saranno ripercorsi grazie una rosa di disegni magistrali, che il pubblico avrà la possibilità di osservare e apprezzare, offrendosi altresì come strumenti per riflettere sui grandi temi attraversati tanto dalla fiaba quanto dalla storia.

Alla Galleria dell’Accademia fino al 10 marzo c’è la mostra Pier Francesco Foschi (1502-1567) pittore fiorentino.

Per i 100 anni dell’Ateneo di Firenze, è stata inaugurata la mostra “I Miti Ritrovati” di Onofrio Pepe; un viaggio attraverso l’universo simbolico del mito in 7 sculture e 30 steli, visibile dal 1° febbraio al 29 marzo fra Rettorato (Piazza San Marco, 4) e Palazzo Nonfinito (via del Proconsolo, 12). Apertura: da lunedì al sabato ore 9 – 18 Ingresso libero.

Al Museo degli Innocenti (Piazza SS. Annunziata) la mostra «Alphonse Mucha. La seduzione dell’Art Nouveau» che espone opere del grande artista ceco (fino al 7 aprile 2024), non dimentica che la corrente artistica interessò anche l’Italia e dedica una sezione al fiorentino Galileo Chini, uno dei protagonisti dell’Art Nouveau in Italia, nato 150 fa, il 2 dicembre 1873 (iniziative per commemorarlo sono un po’ in tutta la Toscana).

Fino al 1 aprile 2024 alla Cattedrale dell’Immagine in piazza Santo Stefano a Firenze arriva Inside Van Gogh, una nuova mostra immersiva nel mondo di Vincent van Gogh.

Nella reggia di Palazzo Pitti ha finalmente riaperto, dopo il riallestimento, il Museo della Moda e del Costume; 12 le nuove sale. È esposta anche la collezione di 78 icone russe, raccolta a Firenze già dai Medici e soprattutto dai Lorena nel corso del Settecento e del secolo successivo, la più antica del genere al mondo al di fuori della Russia stessa, verrà infatti per la prima volta esposta in un nuovo allestimento. Si tratta di quattro grandi sale con affreschi seicenteschi affacciate sul cortile al piano terra di Palazzo Pitti, appena restaurati. Icone dotate di didascalie descrittive in italiano, inglese e cirillico. Finora, questi ambienti della Reggia medicea non sono mai stati regolarmente aperti al pubblico. Anche la suggestiva, elegantissima Cappella Palatina, con gli affreschi ottocenteschi di Luigi Ademollo, ora interamente restaurata, è riaperta e visitabile.

Scoprire la storia delle Nazionali italiane di calcio attraverso maglie, coppe e cimeli che ne fanno ripercorrere gli oltre centodieci anni di storia: tutto questo è possibile al Museo del Calcio, situato a Firenze, in zona Coverciano (ingresso da Viale Palazzeschi 20), accanto al Centro Tecnico Federale, casa degli Azzurri e delle Azzurre; aperto sette giorni su sette, con orario continuato dalle 10 alle 18. Oltre alle maglie di Piola, Facchetti, Riva, Baggio, Buffon e tanti altri campioni, i visitatori avranno la possibilità di vedere dal vivo anche la coppa originale degli Europei, conquistata dai ragazzi di Mancini nella finale di Wembley contro l’Inghilterra a Euro 2020.All’interno del Museo del Calcio è presente uno shop dedicato alla partnership con adidas. Nel negozio è possibile trovare il materiale indossato dagli Azzurri e dalle Azzurre, sia da allenamento che da gara; disponibile sia in taglie da adulti che da bambini.

“Il giardino incantato. Un viaggio interattivo nell’arazzo millefiori”: Pistoia, al Museo dell’Antico Palazzo dei Vescovi, accoglie fino al 29 febbraio 2024 un’installazione immersiva capace di offrire un’esperienza inedita di uno dei capolavori di arte tessile fiamminga del XVI secolo, permettendo di esplorarlo, per la prima volta, in tre dimensioni. L’occasione è data dal prestito del manufatto alla mostra dedicata a Italo Calvino, in programma alle Scuderie del Quirinale a Roma (13 ottobre 2023 al 4 febbraio 2024). L’installazione è un progetto di Fondazione Pistoia Musei e Fondazione Caript ideato e realizzato in collaborazione con il collettivo artistico camerAnebbia, curato nei suoi contenuti scientifici da Annamaria Iacuzzi e Cristina Taddei, conservatrici di Fondazione Pistoia Musei, e Gaia Ravalli, storica dell’arte della Scuola Normale Superiore di Pisa con la supervisione di Monica Preti, direttrice di Pistoia Musei. L’arazzo millefiori di Pistoia detto “dell’Adorazione”, in seta e lana, di dimensioni considerevoli (267 x 790 cm), è una delle opere d’arte più importanti della città e raffigura un raffinato giardino fiorito popolato anche da animali selvatici e fantastici, come l’unicorno.

Dalla Pennsylvania alla Toscana, i capolavori delle Avanguardie del ‘900 provenienti dalle raccolte del  Philadelphia Museum of Art approdano al Palazzo Blu di Pisa dal 28 ottobre al 7 aprile per dar vita ad un’imperdibile rassegna dedicata ai protagonisti dell’arte internazionale della prima metà del secolo; una selezione di opere, tra dipinti e sculture, dei maggiori esponenti delle correnti artistiche europee dei primi decenni del ‘900, da Duchamp a Kandinsky, da Picasso a Chagall, da Mirò a Dalí, da  Matisse  a  Mondrian, Klee, Ernst e molti altri. Un percorso espositivo cronologico che segue il corso degli eventi tra il 1910 e il 1940 accompagnando il pubblico in un suggestivo viaggio temporale scandito da celeberrimi capolavori.

È aperta la mostra “Antonio Canova e il Neoclassicismo a Lucca”, un progetto di Contemplazioni, presso la Cavallerizza di piazzale Verdi fino al 29 settembre; esposti numerosi capolavori di Antonio Canova, tra sculture e dipinti, provenienti dal Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno, dall’Accademia Nazionale di San Luca di Roma e da prestigiose collezioni pubbliche e private. Un percorso suggestivo verso la continua ricerca della bellezza e dei suoi ideali, con oltre 100 opere tra Canova e i maestri lucchesi e toscani del Neoclassicismo, quali Pompeo Batoni, Bernardino Nocchi, Stefano Tofanelli, oltre a Francisco Goya e fino ad arrivare alla nuova esperienza romantica di Francesco Hayez. Giorni e orari di apertura:  da lunedì a domenica 10-20 (ultimo ingresso ore 18:45); ogni biglietto include l’audioguida; NON occorre prenotare. Per ulteriori informazioni: 389 2346010 lucca@contemplazioni.it  https://www.contemplazioni.it/canovalucca/

Presso il CIFA (Via delle Monache 2, Bibbiena – AR) mostra “Nino Migliori 75 anni di fotografia” e 14 nuove installazioni a completare la Galleria Permanente a cielo aperto che consacra la cittadina del Casentino Città della Fotografia.

Amici della Musica di Firenze, Cavea del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Concerti, Firenze, mercati, Musica, stazione leopolda, Teatro, Teatro Corsini, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro della Pergola di Firenze, Teatro Lumière, testo, TourismA, week end

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741