Skip to main content

Elezioni in Abruzzo: seggi aperti fino alle 23. Marsilio denuncia: “Violato il silenzio elettorale, sono stato diffamato”

L’AQUILA – Seggi aperti dalle 7 di stamani, 10 marzo 2024, in Abruzzo, per le elezioni regionali. Marco Marsilio e Luciano D’Amico si contendono la presidenza della Regione. Per il primo, candidato dal centrodestra, sarebbe la conferma dopo la vittoria di cinque anni fa.

D’Amico, ex rettore dell’Universita’ di Teramo, e’ sostenuto invece da tutte le opposizioni: dal Pd al Movimento 5 stelle, da Renzi ad Azione di Carlo Calenda ad Alleanza Verdi e Sinistra. I seggi saranno chiusi alle 23, poi inizierà lo spoglio delle schede. Il voto degli indecisi potrebbe essere determinante. Gli schieramenti in campo aspettano i primi dati sull’affluenza che saranno diffusi alle 12.

All’ultima tornata – nel febbraio del 2019 – si reco’ ai seggi poco il 53% degli aventi diritto. L’Abruzzo va al voto pochi giorni dopo l’elezione di Alessandra Todde alla presidenza della Regione Sardegna. La sua vittoria di misura sul candidato del centrodestra, Paolo Truzzu, ha riacceso le speranze tra i partiti della minoranza parlamentare di conquistare anche questa regione e c’e’ chi considera la tornata elettorale di oggi un test in vista delle elezioni europee dei primi di giugno. 

Intanto il ricandidato presidente, Marco Marsilio, ha diffuso una nota dove denuncia una “clamorosa e vergognosa violazione del silenzio elettorale”. Marsilio attacca: “E’ andato in onda ieri sera (9 marzo 2024) durante la trasmissione ‘Accordi & Disaccordi’ condotta da Luca Sommi un comizio condito di calunnie di Marco Travaglio, seguito a ruota dal giornalista Andrea Scanzi. In particolare Travaglio mi ha calunniato descrivendomi, insieme a mia moglie, come indagato e condannato in primo grado per un reato che non ho mai commesso e per il quale non sono mai stato nè indagato, nè tanto meno condannato. Non si è mai assistito a una cosa del genere in occasione di una tornata elettorale, a otto ore dall’apertura dei seggi”.

“Ho dato mandato al mio legale – conclude Marsilio -per tutelare me e mia moglie sia in sede penale che civile (oltre che segnalare all’Agcom la violazione del silenzio elettorale). Solo pochi giorni fa avevo smentito questa notizia falsa e diffamatoria, già pubblicata dal quotidiano ‘la Notizia’ e diffusa da giorni sui social, ma evidentemente per Travaglio ha più valore il clamore mediatico che il rispetto della verita’ e della dignita’ delle persone”.

AGGIORNAMENTO DELLE 13,14

E’ salita di oltre il 2%, rispetto al 2019, l’affluenza alle urne in Abruzzo per le elezioni regionali. Alle precedenti consultazioni alle ore 12 era di 13,33%, oggi è del 15,80%, calcolata sulla base di 1.415 sezioni sulle complessive 1.634.

Si va al voto in 305 comuni: il totale dei votanti è pari a 1.208.276 di cui 592.041 uomini e 616.235 donne su una popolazione censita di 1.275.950. Le sedi dei seggi elettorali sono 1.634 di cui 13 ospedaliere. Le sezioni sono a Chieti 460, a L’Aquila 405, a Pescara 396 e a Teramo 373.

abruzzo, elezioni regionali, L'Aquila, Marsilio, polemica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741