Skip to main content

Firenze: a Palazzo Strozzi Sacrati una mostra su Cosimo I de’ Medici a 450 anni dalla morte

alcuni costumi delle Manifatture Digitali di Prato (foto sito Regione)

FIRENZE – 450 anni dalla morte di Cosimo I, un viaggio nella Toscana del granduca: è stata inaugurata la mostra allestita nelle sale di Palazzo Strozzi Sacrati (Piazza del Duomo), alla presenza del presidente della Regione; un salto nel tempo tra i costumi sontuosi che ricostruiscono fedelmente gli abiti dei Medici, alcuni cimeli come la bolla papale che conferì a Cosimo il titolo granducale del 1569, le fotografie di Massimo Sestini che ancora oggi testimoniano l’impronta del Granduca nelle fortificazioni di numerose città della Toscana. E infine l’esperienza immersiva che consente semplicemente scansionando un QR code di entrare virtualmente nello studiolo di Cosimo in Palazzo Vecchio.

21 aprile 1574 – 21 aprile 2024: è stata inaugurata nel giorno esatto in cui ricorrono i 450 anni dalla morte di Cosimo I dei Medici, la mostra curata da Samuele Lastrucci, direttore del Museo de’ Medici, che rimarrà aperta fino al 16 maggio e rappresenta un momento clou, tra le numerose iniziative promosse su tutto il territorio regionale nel corso del 2024 per celebrare il primo granduca di Toscana.

Un’iniziativa frutto della collaborazione tra istituzioni e importanti realtà culturali che hanno contribuito a dare vita ad un vero e proprio viaggio nella Toscana del granduca. Il visitatore viene infatti accolto con una serie di abiti che scandiscono l’ascendenza genealogica di Cosimo, opere sartoriali delle Manifatture Digitali di Prato. Si viene poi immersi nell’atmosfera delle fortezze cosimiane grazie ad una collezione di fotografie appositamente realizzate da Massimo Sestini, infine vi è l’esposizione di preziosi pezzi originali.

Secondo la presidenza della Regione questa mostra rappresenta un’opportunità per ricordare la straordinaria figura di Cosimo I dei Medici a 450 anni dalla sua morte, con un omaggio non formale ma sostanziale, come colui che con la sua visione di insieme e la sua strategia di lungo respiro, ha costruito le fondamenta della Toscana moderna. Da grande sovrano, di caratura europea, Cosimo riuscì a consolidare autonomia, integrità territoriale e sicurezza di uno Stato che prima non esisteva. Il Granducato nato dalla sua opera riunì le due antiche Repubbliche rivali, Firenze e Siena, in una nuova entità i cui confini corrispondono in gran parte alla Toscana di oggi.

“Il più grande statista di Casa Medici, qui presentato nella sua veste più istituzionale di autore della Toscana moderna in occasione dei 450 anni dalla sua morte – spiega il curatore della mostra Samuele Lastrucci, direttore del Museo di storia medicea ospitato nella Rotonda Brunelleschi-. Le sezioni di questa esposizione intendono mettere in luce la dimensione più propriamente politica del personaggio, dalla costruzione del mito, operata da intellettuali del calibro di Giorgio Vasari e Egnazio Danti, al momento cruciale dell’incoronazione a granduca”.

Oltre ai prestiti del Museo de’ Medici, hanno collaborato importanti istituzioni tra cui l’Archivio di Stato di Firenze, quello di Siena e il Museo dell’Opificio delle Pietre Dure.

450 anni dalla morte, Cosimo I de' Medici, mostre, Palazzo Strozzi Sacrati, regione toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741