Skip to main content

Firenze, Teatro Verdi: Pishkar e Moon debuttano con l’Orchestra della Toscana (ORT)

Arsenii Moon (diffusione foto ufficio stampa)

FIRENZE – Giovedì 9 maggio alle 21 al Teatro Verdi di Firenze e venerdì 10 alle 21 al Teatro Goldoni di Livorno la nuova produzione dell’Orchestra della Toscana (ORT) vede il debutto fiorentino di due giovani talenti: l’iraniano Hossein Pishkar sul podio e Arsenii Moon, vincitore del 64° Concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni al piano nel Concerto n.3 per pianoforte e orchestra op.37, forse il più bello dei cinque scritti da Ludwig van Beethoven; completano il programma l’Ouverture in stile italiano D 591 di Schubert e la Sinfonia n.39 K.543 di Mozart.

C’è molta giustificata attesa intorno alla prossima produzione ORT. In quelle stesse date era previsto infatti un concerto diretto da Andrea Battistoni, costretto lo scorso marzo a cancellare la sua presenza. Per mantenere l’impegno in cartellone è stata pensata una produzione di segno diverso che mette insieme due giovani talenti, entrambi al debutto con l’Orchestra della Toscana, entrambi lanciati a livello internazionale. Hossein Pishkar, nato nel 1988 a Teheran, ha catturato l’attenzione internazionale con la sua vittoria nel 2017 al prestigioso Deutscher Dirigentenpreis a Colonia, seguita dal conferimento dell’Ernst-von-Schuch-Preis. Sebbene abbia compiuto i suoi studi in Germania e abbia avviato una carriera di successo in Europa passando per l’Accademia di Riccardo Muti a Ravenna, Pishkar radica la sua identità artistica nelle profondità della cultura persiana.

In apertura, l’Ouverture in stile italiano D.591 di Franz Schubert, caratterizzata da vivacità e temi melodici brillanti, che dimostra una profonda comprensione delle convenzioni musicali italiane del suo tempo.

Segue il Concerto n.3 per pianoforte e orchestra op.37 di Ludwig van Beethoven, opera audace e innovativa composta fra il 1800 e il 1802 ed eseguita per la prima volta nell’aprile del 1803 al Theater an der Wien con Beethoven stesso al pianoforte. Lo interpreta Arsenii Moon, che a soli ventiquattro anni, oltre al Premio Busoni, ha ottenuto il prestigioso Premio Arturo Benedetti Michelangeli, conferito solo in circostanze eccezionali e segno di un riconoscimento unanime da parte dei giudici, evento raro dopo quasi tre decenni. Originario di San Pietroburgo, classe 1999, Moon ha iniziato a coltivare la sua passione per il pianoforte sin da giovanissimo. Nel 2009 ha debuttato alla Filarmonica di San Pietroburgo, mentre è del 2014 il suo primo recital alla Mozarthaus di Vienna.

Conclude la Sinfonia n.39 K.543 di Wolfgang Amadeus Mozart, prima di tre sinfonie (le altre sono la n.40 e la n.41 “Jupiter”) composte in rapida successione durante l’estate del 1788; in questa le linee melodiche fluide si intrecciano in un delicato equilibrio, mentre il ritmo incalzante conferisce un senso di dinamismo e vitalità alla composizione.

Giovedì 9 maggio 2024 ore 21:00 – Firenze, Teatro Verdi (via Ghibellina 99)
Venerdì 10 maggio 2024 ore 21:00 – Livorno, Teatro Goldoni

Hossein Pishkar direttore Arsenii Moon pianoforte Orchestra della Toscana

Schubert  Ouverture in stile italiano D 591

Beethoven  Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra op.37

Mozart  Sinfonia n.39 K.543

Biglietti Firenze Studenti €5,00 Under 30 €10,00 Ridotto €18,00* Intero €22,00*

(*) +€2,00 se acquistati in prevendita / In vendita alla Biglietteria del Teatro Verdi (tel. 055 212320), nei punti vendita del circuito Box Office e Ticketone e online su Ticketone.it


Arsenii Moon, Beethoven, Hossein Pishkar, Mozart, Musica, Orchestra della Toscana (ORT), Schubert, Teatro Goldoni di Livorno, Teatro Verdi di Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741