Skip to main content

Inchiesta in Liguria: l’ombra di una talpa. Superteste dai pm

Toti

GENOVA – Sull’inchiesta che ha porftato ai domiciliari il presidente Giovanni Toti si allunga l’ombra di una talpa. Quindi ecco l’inchiesta nell’inchiesta: per far luce su chi, eventualmente, ha avvisato gli indagati di fare attenzione esiste da tempo un fascicolo per rivelazione del segreto di ufficio.

Fascicolo, che oggi è ritornato a galla, e che è stato aperto dai pm guidati dal procuratore Nicola Piacente sulla scorta di una intercettazione del settembre 2020 ora agli atti del filone dell’inchiesta sulla la presunta corruzione elettorale – voti per rieleggere lo schieramento Toti in cambio di posti di lavoro o una casa negli stabili di edilizia popolare – aggravata dall’agevolazione mafiosa.

Reato, questo, contestato, oltre che a Cozzani, ad Arturo Angelo Testa e al fratello Italo Maurizio, entrambi destinatari della misura dell’obbligo di dimora, e all’ex sindacalista della Cgil Venanzio Maurici con l’obbligo di firma. Sono stati loro tre, stamani, a chiudere il giro degli interrogatori di garanzia. L’unico a rispondere al gip Paola Faggioni è stato Arturo Testa, il quale, come ha ripetuto all’uscita del Palazzo di Giustizia, si è difeso: “E’ stata una campagna elettorale come abbiamo fatto sempre e poi sono 300 voti! – ha affermato -. Io non ho convinto nessuno dei riesini e non ho promesso o fatto favori: chi è di centro destra ha votato centro destra e chi è di centro sinistra ha votato centro sinistra”.

E ancora: “Toti lo conosco da quando era coordinatore nazionale di Forza Italia. Noi non abbiamo mai chiesto posti di lavoro. Io fascista? – ha replicato a una domanda . Chi ci conosce dice eresie. Io mi definisco antifascista e il saluto romano era una goliardata”. Poiché ritiene di non aver fatto “nulla di male”, tramite il suo legale, ha chiesto la revoca della misura. Non così il fratello, che si è avvalso della facoltà di non rispondere ma ha depositato una lettera del 2007 scritta alla comunità originaria del comune siciliano dall’allora candidato sindaco del Pd Marta Vincenzi. E ciò come per dimostrare: “Così fan tutti”.

Anche Maurici non ha risposto ma ha reso dichiarazioni spontanee e la revoca dell’obbligo di presentazione alla pg: “non c’entro niente con nulla. – ha spiegato davati a taccuini e telecamere – L’inchiesta è surreale, nei miei confronti ovviamente. C’è una grande confusione, smentisco di avere aiutato Toti, cosa che per me è infamante”.

Nel pomeriggio, invece, è stato sentito per oltre tre ore dai pm e dalla Gdf quello che potrebbe essere un supertestimone: si tratta di Rino Canavese, componente del comitato di gestione del porto e l’unico non “allineato”. E’ stato il solo a votare contro il rinnovo trentennale della concessione agli Spinelli del Terminal Rinfuse: in un primo momento l’operazione fu infatti “osteggiata” sa Andrea La Mattina, che nel board rappresenta la Regione Liguria, da Giorgio Carozzi, che rappresenta il comune di Genova, e appunto da Canavese.

Solo lui però alla fine votò contro (gli altri due, per gli inquirenti, cambiarono opinione per le pressioni ricevute), ritenendo che l’operazione, come si evince dalle intercettazioni, facesse parte di un “meccanismo perverso”, punto su cui avrebbe fornito delucidazioni. Al termine dell’interrogatorio, Canavese ha affermato di sentirsi “molto arrabbiato perché la credibilità che avevamo come sistema portuale non l’abbiamo più”. La sua deposizione potrebbe essere fondamentale per confermare le accuse sulle quali Toti ha intenzione di rispondere e chiarire davanti ai pubblici ministeri.

Stamane, 14 maggio 2024, il suo legale si è recato dagli inquirenti per parlare dell’interrogatorio: probabilmente si terrà la settimana prossima in quanto i temi da affrontare sono molti. In merito al fascicolo, secondario, per rivelazione del segreto di ufficio il dialogo intercettato risale agli albori dell’inchiesta per corruzione e voto di scambio. I fratelli Testa, iscritti a Forza Italia in Lombardia e da ieri sospesi dal partito, quattro anni fa, mentre erano a Genova per un incontro con alcune persone della comunità riesina, vengono avvicinati da un uomo con la felpa e il cappellino.

Si trattava, raccontano le carte, di Umberto Lo Grasso (consigliere comunale totiano) Il quale rivolgendosi a Italo Testa lo avvertiva: “Vedi che stanno indagando, non fate nomi e non parlate al telefono …. Stanno indagando”. E l’altro: “si lo so, non ti preoccupare …. L’ho stutato (“spento” in dialetto siciliano, ndr)”.

Ora si lavora per individuare chi ha avvertito Lo Grasso. Una ipotesi è una talpa visto che Stefano Anzalone, in quota a Toti e anche lui indagato, è un ex poliziotto con agganci, si ritiene, tra le forze dell’ordine. L’altra ipotesi è che si possa trattare di una sorta di millanteria dello stesso Anzalone che, dopo le elezioni, voleva togliersi di torno i fratelli Testa e non onorare le promesse che avrebbe fatto in cambio dei voti. 

Inchiesta in Liguria, pm, Toti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741