Skip to main content

Pooh: chi fermerà la musica? Pegaso d’oro della Regione consegnato a Pratolino

FIRENZE – Con la loro musica, i Pooh hanno celebrato l’amore, l’amicizia, la libertà, il valore della democrazia e della pace, temi oggi più importanti che mai.

Un legame stretto, non solo professionale e più volte anche nel segno della solidarietà, quello tra i Pooh e la Toscana. Un legame iniziato oltre 50 anni fa che si rinnoverà questa estate nei due concerti in programma il 25 luglio al Parco Mediceo di Pratolino in occasione del Musart Festival e il 7 agosto a Villa Bertelli a Forte dei Marmi.

Per questi motivi e per la loro splendida carriera, che li consacra la band più longeva d’Italia, il presidente della Regione Toscana ha consegnato oggi ai Pooh il Pegaso d’oro, il massimo riconoscimento della Regione che rende ancora più speciale la presenza del gruppo musicale in Toscana.

La cerimonia si è svolta ieri, 14 maggio 2024, al Parco Mediceo di Pratolino, il parco paesaggistico più grande della Toscana che ospita il Colosso dell’Appennino – opera del Giambologna – inserito tra i siti patrimonio dell’Unesco. Un luogo di straordinaria bellezza, ha sottolineato il presidente, che esalterà la qualità dell’evento culturale che, nell’ambito di Musart, vi si terrà il prossimo luglio.

E anche per questo la Regione ha tributato il suo massimo riconoscimento ai Pooh, un gruppo autore di brani che hanno emozionato generazioni, una delle band che hanno fatto la storia della musica italiana e che hanno conquistato il cuore di milioni di fan: un patrimonio prezioso della canzone italiana

eugenio giani, pegaso d'oro, Pooh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741