Le giustificazioni discutibili del Governo

Economia, deficit conti pubblici: la risposta di Padoan alla Ue, la colpa è dei migranti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Primo piano

Stampa Stampa

Italian Finance Minister Pier Carlo Padoan talks during a news conference following a meeting with European G5 ministers at Bercy, in Paris, France, 28 April 2014. The meeting was about Tax Evasion. ANSA/YOAN VALAT

ROMA – Abbiamo già dato conto che il ministro per l’Economia Pier Carlo Padoan, il 9 maggio – anche se la notizia è stata data solo ieri – ha scritto al vicepresidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis e al commissario agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici per difendere le posizioni dell’Italia, alla quale la ue imputa di non fare molto per ridurre il pesantissimo debito pubblico. E il ministro accampa strane giustificazioni, che potrebbero non essere facilmente accolte.

INFLAZIONE – «Come già riconosciuto dalla Commissione nel suo rapporto preparato nel 2015 – scrive Padoan – un’inflazione particolarmente bassa rende il rispetto della regola sul debito particolarmente impegnativa. È un fatto che l’attuale contesto macroeconomico è ancora più difficile per la riduzione del debito, dato che le pressioni deflazionistiche a livello globale si sono intensificate. A fronte di questo contesto, una politica di bilancio più stringente rispetto a quella delineata nel programma di stabilità 2016 peggiorerebbe la performance di crescita dell’economia italiana e l’evoluzione del rapporto tra debito e Pil».

MIGRANTI – Nella lettera Padoan ricorda che «il rapporto tra debito pubblico e Pil si è già virtualmente stabilizzato nel 2015», e torna a usare la giustificazione della crisi migranti. «Sia nel 2015 che nel 2016 l’Italia ha sostenuto costi straordinari equivalenti allo 0,2% del Pil su base annua, per affrontare una grande ondata di migranti e richiedenti asilo. Crediamo che questi sforzi di bilancio addizionali, in gran parte legati al controllo dei confini e al primo soccorso, debbano essere considerati nella valutazione dell’andamento di deficit e debito».

Dunque la colpa non è delle spese eccessive e della poca attenzione alla riduzione del deficit, prestata dagli ultimi governi, ma anche da questo. Una volta di più le spese per l’accoglienza dei migranti – pur ingenti – sono portate a giustificazione di ogni scompenso. In Europa sono già servite ad acquisire una maggiore flessibilità, adesso dovrebbero giustificare pure la voragine del deficit. Ecco perché Renzi è sempre più favorevole all’accoglienza, i migranti sono una buona scusa per il Governo per giustificare tutte le spese approvate per acquisire nuovi consensi.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.