I Depeche Mode al museo Marini

FIRENZE – I Depeche Mode al Museo Marino Marini di Firenze. Ma non in concerto, bensì protagonisti della trama del film d’esordio (Our Hobby is Depeche Mode di Jeremy Deller e Nick Abrahams, Regno Unito, 2007, 72′) di un’interessante rassegna cinematografica.

In occasione di The Player. Viaggio nelle passioni contemporanee. Opere dalla collezione Sandra e Giancarlo Bonolli, a cura di Alberto Salvadori, , in collaborazione con Lo schermo dell’arte Film Festival il Museo Marino Marini propone, a partire da domani, mercoledì 20 febbraio alle 21, “Video Player”, rassegna di film dedicata agli artisti presenti in mostra.  Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero, fino ad esaurimento posti, e dalle 20 alle 21, sarà possibile visitare gratuitamente The Player.

Questo è un progetto annuale di indagine su preziose collezioni private italiane meno conosciute dal grande pubblico, un omaggio alla passione e alla ricerca che il collezionista ha espresso nella realizzazione della propria collezione come nel caso di Sandra e Giancarlo Bonollo, a cui è dedicata questa prima esposizione,  che da molti anni seguono con passione, competenza e silenziosa dedizione, il divenire e il percorso di artisti italiani e internazionali.

Protagoniste di questa mostra, aperta fino al 6 aprile 2013, sono le opere di Pavel Althamer, Darren Almond, Stefano Arienti, Tacita Dean, Jeremy Deller, Rineke Dijkstra, Keith Edmier & Farrah Fawcett, Olafur Eliasson, Urs Fischer, Giuseppe Gabellone, Mona Hatoum, Sarah Lucas, Marepe, Gabriel Orozco, Damián Ortega, Simon Starling e Piotr Uklanski.

Tutti i film in programma, a parte Urs Fischer di Iwan Schumacher, non sono mai stati proiettati all’interno delle precedenti edizioni de Lo schermo dell’arte Film Festival, e saranno in lingua originale.

Il film d’esordio della rassegna – scritto da Jeremy Deller, artista vincitore del Turner Prize nel 2004, e diretto da Nick Abrahams – racconta il fanatismo che dagli anni Ottanta ha accompagnato la carriera del gruppo inglese dei Depeche Mode. Con le storie e le voci dei fan di tutto il mondo, Our Hobby is Depeche Mode svela storie straordinarie di fede e devozione, dalla Russia dove il “Dave Day” dedicato al cantante Dave Gahan è diventata festa nazionale, agli Stati Uniti, dalla Romania all’Inghilterra e alla Germania.

Musica


Marco Ferri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080