Cani e capre maltrattati, chiusa struttura-lager a Prato

La struttura-lager di Prato è stata sequestrata dalla Polizia provinciale
La struttura-lager di Prato è stata sequestrata dalla Polizia provinciale

PRATO – Un uomo, a Prato, costringeva 25 cani e 29 capre in una vera e propria struttura-lager, fatta di spazi strettissimi, baracche cadenti piene di escrementi. Gli animali sono stati liberati dalla Polizia provinciale che ha sequestrato la struttura. Oltre ad essere in condizioni di estremo degrado, presentavano anche ferite da morsi, probabilmente inferte tra loro. Oltre a varie infezioni. Molti dei cani poi erano senza microchip. Le capre, prima di essere affidate a aziende agricole, sono state sottoposte ad esami per verificare l’assenza di malattie.

L’indagine, che ha avuto inizio in seguito ad alcune segnalazioni, ha portato gli agenti in una struttura che fa parte di una casa colonica in via Bogaia. Grazie alla collaborazione con il canile comunale del Calice, tutti i cani, in gran parte meticci, hanno trovato una nuova sistemazione e hanno ricevuto le cure necessarie.

animali, maltrattamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080