Siena, accordo per microcredito a studenti universitari

Università degli studi di Siena
Università degli studi di Siena
Università degli studi di Siena

SIENA – Microcredito di Solidarietà, società di cui Banca Monte dei Paschi è socio fondatore, e Università degli Studi di Siena hanno sottoscritto un accordo per la concessione agli studenti di finanziamenti agevolati finalizzati al pagamento delle tasse universitarie per l’iscrizione all’anno accademico 2013/2014.

L’iniziativa è stata promossa con l’intento di andare incontro alle esigenze dei giovani particolarmente bisognosi che decidono di intraprendere il percorso universitario nella città toscana.

«Il sostegno del diritto allo studio -ha spiegato Mario Marzucchi, presidente di Microcredito di Solidarietà– rientra nel campo di azione della nostra società, nata con l’intento di contrastare la povertà e il disagio sociale. Garantire l’accesso al percorso universitario agli studenti meno abbienti rispecchia proprio questa ultima finalità». «L’accordo -ha detto il rettore dell’Università di Siena, Angelo Riccaboni– vuole essere un’opportunità per venire incontro alle difficoltà che sempre più spesso colpiscono le famiglie ed è una delle numerose iniziative che stiamo portando avanti per costruire misure e servizi di cittadinanza studentesca nel contesto del progetto USiena Welcome».

I prestiti sono destinati esclusivamente al pagamento delle tasse universitarie per un’annualità, con un importo massimo per ciascun prestito pari a 3mila euro, rimborsabili in 12 rate mensili, ad un tasso fisso del 2%. Per semplificare le procedure di iscrizione, l’importo che verrà erogato sarà corrispondente all’importo dei bollettini per il pagamento delle tasse che i richiedenti presenteranno e sarà pagato direttamente da Microcredito.

crisi, studenti, università

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080