Skip to main content
Le famiglie riducono i consumi

Crisi, Confcommercio: «Servono misure più coraggiose per la ripresa dei consumi»

Le famiglie riducono i consumi
Le famiglie riducono i consumi

FIRENZE – «Nel secondo semestre 2013 il 19% non riesce a far fronte alle spese e il  50% prevede di tagliare i consumi. Rispetto alle percentuali nazionali la nostra regione presenta forse meno sofferenza, ma più del 60% delle famiglie toscane ritiene comunque che la loro capacità di spesa sia peggiorata rispetto al 2012». Stefano  Bottai, presidente di Confcommercio Toscana commenta i dati presentati dall’Outlook Italia Confcommercio-Censis sul clima di fiducia e sulle aspettative delle famiglie italiane.

Poche le famiglie che riescono risparmiare qualcosa a fine mese e sempre più nuclei posticipano i pagamenti. Si parla di pagamenti come bollette e altre spese obbligate, mentre le somme per cinema e svago sono state già ridotte, come anche quelle per i carburanti e per i generi alimentari.

Dallo studio Confcommercio emerge che dalle istituzioni le famiglie si aspetterebbero politiche per il lavoro e misure per la riduzione delle tasse. In questa ottica la legge di stabilità nazionale, sebbene presenti una minima riduzione del cuneo fiscale e una certa avvedutezza nell’indirizzo generale, non può che essere deludente. «Sono necessarie misure più coraggiose per far riprendere i consumi» spiega Confcommercio.

Confcommercio, consumi, crisi, Governo, legge di stabilità, ripresa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741