Solo per 33 mln di lavoratori, a rischio quelle delle piccole e medie imprese

Crisi, sarà un Natale avaro di tredicesime

di Massimiliano Mantiloni - - Economia

Natale con rischio tredicesime per tanti lavoratori

Natale con rischio tredicesime per tanti lavoratori

FIRENZE – Natale non fa più rima con tredicesima. Nelle tasche di pensionati e lavoratori dipendenti finiranno 37 miliardi, dei quali 9,5 torneranno allo Stato, ma non ci saranno scatti rispetto all’anno scorso. Per un operaio specializzato, un euro in più. Due euro per un impiegato da 1.400 euro al mese. A rischio quelle dei lavoratori delle piccole e medie imprese. Lo studio è della Cgia di Mestre.

L’economia italiana, come quella europea in generale, lotterà pure contro la deflazione e lo spauracchio dell’abbassamento dei prezzi ma intanto il potere d’acquisto reale delle famiglie resta al palo. E con esso, anche le tredicesime. Uno dei risvolti di questa situazione di stress finanziario delle famiglie si vede anche in tavola: la spesa alimentare torna ai livelli degli anni Sessanta, quando gli italiani acquistavano pochi cibi ed essenziali.

Tra pensionati e lavoratori dipendenti, saranno poco più di 33 milioni gli italiani che percepiranno quest’anno la tredicesima. Un operaio specializzato con un reddito lordo annuo di poco superiore ai 21.000 euro (pari a uno stipendio mensile di 1.255 euro) riceverà una tredicesima più pesante di appena un euro rispetto a quella dell’anno scorso. Un impiegato con un reddito lordo annuo di oltre 25.600 euro (pari a una busta paga netta di 1.419 euro) avrà 2 euro in più nella tredicesima di quest’anno.

Tag:, , , , ,

Massimiliano Mantiloni

Massimiliano Mantiloni

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.