Bastone e carota contro gli ambulanti sfrattati dalla piazza fiorentina

Renzi e il bluff di San Lorenzo

di Sandro Addario - - Cronaca, il Blog di Sandro Addario, Lente d'Ingrandimento

«Abbiamo sgomberato una delle piazze più belle di Firenze, la zona di san Lorenzo, dove c’erano delle bancarelle del mercato che, in nome dell’utilizzo del suolo pubblico, da 50 anni tenevano in ostaggio un pezzo di città». Ci va giù duro il segretario Pd-sindaco Matteo Renzi intervistato ieri sera da Nicola Porro a Virus su Raidue. La domanda in quel momento è sul presunto potere delle corporazioni in Italia e Renzi prende la palla al balzo per citare il «caso san Lorenzo» e cantarne le lodi. Il pubblico televisivo, che – in larga parte – abbina il nome San Lorenzo solo alla notte delle stelle cadenti d’agosto e poco più, non potrà che condividere la linea di fermezza del sindaco (ex) rottamatore.

LIBERAZIONE – Poche ore prima Renzi ha appena lanciato un tweet da bollettino della vittoria: «Oggi abbiamo liberato come promesso l’area di San Lorenzo, uno dei posti più belli del mondo. Era una promessa, l’abbiamo mantenuta». Sgombero, ostaggi, liberazione. Termini da blitz delle forze speciali in territorio ostile. In un contesto più cittadino significa sgomberare occupanti, allontanare venditori abusivi. In realtà la controparte è rappresentata da circa 80 bancarelle, con regolare licenza di vendita, che da sempre hanno pagato le tasse al Comune. E che, non ultimo, pochi mesi fa hanno rifatto a loro spese il marciapiede lungo la basilica.

APERTURA – Agli stessi ambulanti, il giorno prima lo stesso Renzi si era invece dimostrato possibilista, chiamando nel suo studio in Palazzo Vecchio uno dei loro rappresentanti. «Fatemi avere una vostra proposta, vediamo» aveva in pratica detto. Lasciando così ai commercianti la speranza di una soluzione ragionevole che consentisse di mantenere almeno un presidio nella piazza e spostare solo una parte di «barrocci» nella meno agevole e soprattutto meno frequentata piazza del Mercato Centrale, come deciso dal Comune.

EFFICIENZA SVIZZERA – Passano poche ore – siamo al pomeriggio di giovedì – e piazza san Lorenzo viene tappezzata di cartelli di divieto di sosta, dalle 0 alle 24. La notte, mentre le bancarelle sono nei depositi, la sede stradale è transennata. La mattina seguente squadre di operai aprono il cantiere per lavori di ripavimentazione del fondo stradale, che il comune definisce urgenti. Un’efficienza svizzera. Si procede a rimuovere i lastroni di pietra della carreggiata, ma con un’accortezza: i lavori sono fatti «a macchia di leopardo». Tre scavi in una parte, altri scavi più lontani. Tanto da scoraggiare qualunque proposito di ri-occupazione della piazza da parte di eventuali ambulanti irriducibili, che troverebbero solo buche e pietre sul loro cammino. Intanto pattuglie della Polizia Municipale controllano costantemente la situazione.

IL BLUFF – Resta molto amaro in bocca ai commercianti, che in privato trovano un sindaco (all’apparenza) disponibile mentre in tv si sentono considerati occupanti da sgomberare. C’è già chi lo chiama il «bluff di San Lorenzo». Intanto a metà piazza viene affisso  un cartello con alcuni mazzi di fiori: «Oggi 24 gennaio è morto il mercato di San Lorenzo. Grazie Renzi».

 

ARTICOLI CORRELATI

21 gen 2014 – San Lorenzo, la rabbia degli ambulanti a Palazzo Vecchio. Un contuso

22 gen 2014 – San Lorenzo: sale la tensione tra ambulanti e Comune di Firenze

23 gen 2014 – San Lorenzo: dialogo tra ambulanti e comune, ultimo atto

24 gen 2014 – Ambulanti di San Lorenzo: oggi via i banchi, arriva il cantiere

24 gen 2014 – Renzi: «San Lorenzo liberata» ed è bufera

 

 

Tag:, ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Giornalista
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: