«L’altoforno resti acceso». Tre richieste urgenti al governo

Acciaio, ora Rossi sfida Renzi sul futuro di Piombino

La siderurgia di Piombino
La siderurgia di Piombino
La siderurgia di Piombino

FIRENZE – «La Lucchini è una questione nazionale, abbiamo bisogno di certezze». Così il presidente della Giunta regionale della Toscana Enrico Rossi chiama in causa il governo – presieduto da Matteo Renzi – sul futuro del polo siderurgico di Piombino. E lo fa nel momento in cui sta per essere definita la maxi offerta del magnate giordano Khaled Al Habahbeh, che intende investire 3 miliardi nell’acciaio italiano.

Tre le richieste urgenti che Rossi avanza al governo, al termine di un incontro ieri sera  tra regione, provincia di Livorno, comune di Piombino e sindacati. La prima è «di valutare in maniera approfondita – ha detto Rossi – le proposte di acquisto avanzate e di verificarne l’attendibilità nell’ambito di una politica industriale nazionale per l’acciaio di cui peraltro si stentano a intravvedere le linee direttive».

La seconda è che «la valutazione delle proposte di acquisto dovrà esprimere una coerenza con il progetto di riconversione ecologica del polo siderurgico piombinese, su cui le istituzioni pubbliche e le forze sociali hanno sottoscritto con il governo precedente un protocollo di intesa e stanno lavorando alla definizione di un accordo di programma».

Terza richiesta «è che – ha detto ancora Rossi – come concordato e definito nel protocollo sottoscritto, venga mantenuto acceso l’altoforno fino al momento in cui la società subentrante si impegni a realizzare il progetto di riconversione ecologica stabilito».

 

 

acciaieria, enrico rossi, Piombino, regione toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080