All'ospedale di Careggi

Firenze, black out in sala parto: bimba nasce alla luce dei cellulari

di Redazione - - Cronaca

La maternità di Careggi

La maternità di Careggi

FIRENZE – Blackout elettrico in sala operatoria, a Careggi, durante un parto cesareo. Spento anche il gruppo elettrogeno d’emergenza. Praticamente tutti al buio per un minuto e mezzo. Rimedio? Il flash dei cellulari di alcuni specializzandi che assistevano all’operazione. Solo così il chirurgo ha potuto portare a termine l’intervento senza conseguenze per la mamma e per la bambina venuta al mondo in maniera un po’ inusuale.

In base a quanto emerso, il blackout è avvenuto quando l’intervento si avviava a conclusione e ha causato lo spegnimento dei monitor con gli indicatori dei parametri vitali della paziente, che si trovava sotto anestesia generale, e ha costretto il chirurgo a suturare l’incisione facendosi appunto luce con i flash dei cellulari.

Tutto bene, dunque. E storia da raccontare quando la bambina sarà grande e potrà a sua volta diffonderla come la prima avventura della sua vita. Ma è ovvio che si tratta di una situazione capace di provocare alcune domande, per esempio come mai era spento il gruppo elettrogeno d’emergenza.

L’incidente è accaduto lunedì scorso, 7 aprile, ma la notizia è trapelata solo oggi, venerdì 10. La dirigenza di Careggi ha annunciato un Audit interno, soprattutto per valutare le responsabilità sui sistemi tecnologici andati in tilt, ma tutto questo si svolgerà soltanto mercoledì 16 aprile.

 

Tag:,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: