Le interviste di Milan-Fiorentina

Montella scherza : «Se avessimo avuto Inzaghi in attacco …». Poi annuncia il ritorno di Mario Gomez

di Niccolò Di Pietro - - Sport

Josip Ilicic torna titolare contro l'Inter

Josip Ilicic

 

MILANO – «Una partita molto tattica», dice Montella dopo il fischio finale di Milan-Fiorentina. È così che si definisce una partita molto brutta. Per fortuna la Fiorentina scenderà di nuovo in campo fra tre giorni, nel turno infrasettimanale di campionato contro l’Udinese. Il pareggio contro il Milan lascia l’amaro in bocca per una partita mal giocata, di cui va salvato soltanto il gol dell’1-1 in rimonta. E le parole di Montella che annunciano il rientro di Mario Gómez: «In settimana dovrebbe allenarsi con il gruppo; poi sarà da valutare quanto ci vorrà prima di averlo a disposizione».

ILICIC  Sorride l’autore del gol Ilicic, che dopo la buona prestazione offerta in coppa si conferma in campionato. Montella lo manda in campo al nono del secondo tempo, al posto di Kurtic. «Dobbiamo tirare di più in porta. – commenta Ilicic – Ma l’importante è prendere punti e oggi abbiamo preso un punto. Sappiamo che siamo forti, proveremo a vincere tutte le partite, in campionato come in coppa». Gli fa eco Marcos Alonso: «Penso che sia presto per parlare di classifica, abbiamo fatto una bella partita, forse meritavamo di più». E Borja Valero, già autore di un gol a San Siro, che oggi non ha convinto: «Sto provando ad allenarmi meglio per ritrovare la forma degli ultimi due anni. Nelle ultime due partite sono andato meglio e spero di continuare così».

MONTELLA Montella risponde a chi definisce la Fiorentina un’incompiuta. «I nostri attaccanti o almeno i giocatori più importanti d’attacco mancano e sono quelli che ti cambiano gli equilibri di una partita. Oggi abbiamo fatto una grandissima gara. Potevamo fare qualcosa in più dopo il gol, ho visto la squadra un po’ stanca; ma abbiamo avuto personalità contro una squadra molto compatta. È mancata un po’ di lucidità nei momenti topici, negli ultimi venti minuti, qualche volta ci è mancato il guizzo. Ad aver avuto qualche arma in più in attacco avremmo potuto portare a casa il risultato pieno. L’importante è che la squadra crei, le situazioni di tiro le puoi migliorare con difficoltà, se non con la convinzione. Puoi essere più convinto, in questo siamo cresciuti molto rispetto allo scorso anno. Sul livello tecnico c’è poco da fare. Sicuramente abbiamo fatto partite migliori, sia noi che il Milan. È stata una partita tattica. Nel primo tempo tempo non siamo stati velocissimi, nella ripresa abbiamo anche sfruttato le nostre caratteristiche. Detto questo, sono più contento della personalità che ho visto in campo». Ci sono parole per Borja Valero, autore oggi di una prestazione tutt’altro che convincente: «Lo sto vedendo in crescita nelle doti di pensiero, come qualità può fare di meglio. Secondo me gioca meglio con Pizarro. È comunque in crescita, anche se può fare di più e sicuramente lo farà». Una partita piena di errori, che Montella prova a motivare: «Abbiamo fatto partite migliori; ma molto spesso dipende dall’avversario. Il Milan è stato bravo a chiudere le traiettorie di passaggio a centrocampo, con la copertura degli esterni offensivi dopo che sono passati in vantaggio ed era più complicato fare gioco. In questo siamo stati non velocissimi nel primo tempo; nel secondo abbiamo sfruttato le nostre caratteristiche. La squadra non si è mai disunita, ha avuto carattere, ha cercato di fare gioco nella difficoltà».

 

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: