Dal 13 al 16 novembre

Firenze: quattro concerti barocchi col Maggio Musicale nella Chiesa di Santo Stefano al Ponte Vecchio

Coro_Requiem_Mozart_07_foto_Michele_Borzoni_Terraproject_940x440
Federico Maria Sardelli
Il Maestro Federico Maria Sardelli (14 novembre)

FIRENZE – Il Maggio Musicale Fiorentino propone un piccolo festival barocco all’interno del cartellone invernale. Alla Chiesa di Santo Stefano al Ponte, per quattro sere, si ascolteranno concerti di musica del Sei e Settecento, oltre a qualche pezzo contemporaneo baroccheggiante (uno per sera). Sul podio, a dirigere l’Orchestra del Maggio,  si alterneranno due specialisti come Federico Maria Sardelli (curatore ufficiale del catalogo delle opere vivaldiane) e Stefano Montanari, che è anche solista nei concerti per violino. In una delle serate si esibirà il Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Lorenzo Fratini.

Ottima idea, quella di incrementare un repertorio che di solito nella stagione ordinaria viene toccato poco, e ottima occasione per ascoltare, coi concerti più famosi, anche alcune composizioni di esecuzione piuttosto rara. I concerti sono a posto unico (15 euro) e sono acquistabili in carnet (4 al prezzo di 3).

Chiesa di Santo Stefano al Ponte (Piazza Santo Stefano, 5 – Firenze)

giovedì 13 novembre, ore 20.30: Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Stefano Montanari

Arcangelo Corelli (1653-1713), Concerto grosso in re maggiore op.6 n.4 – Georg Friedrich Händel (1685-1759), Concerto grosso in si bemolle maggiore op.3 n.1 – Alessandro Scarlatti (1660-1725), Concerto grosso in re minore n. 5, dai 6 concerti grossi a 7 parti – Georg Friedrich Händel, Concerto grosso in si bemolle maggiore op.3 n.2 – Cristian Carrara (n. 1977), «Vivaldi, in memoriam», pezzo su commissione dell’Opera di Firenze – Georg Friedrich Händel, Concerto grosso in sol maggiore op.3 n.3

venerdì 14 novembre, ore 20.30: Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Federico Maria Sardelli

Antonio Vivaldi (1678-1741), Sinfonia de «Il Bajazet» per 2 corni, archi e basso continuo – Georg Friedrich Händel, Concerto grosso in Sol min. Op. VI, n. 6 per 2 oboi, fagotto, archi e basso continuo – Antonio Vivaldi, Concerto RV 577 in Sol minore, «Per l’Orchestra di Dresda» per 2 Violini principali, Oboe solo, altro Oboe, 2 Flauti, Fagotto, Violoncello, Archi e Basso continuo – Francesco Maria Veracini (1690-1768), Ouverture VI in Sol minore per 2 oboi, fagotto, archi e basso continuo – Federico Maria Sardelli (n. 1963), Concerto in Sol minore per fagotto, archi e basso continuo – Antonio Vivaldi, Concerto in Re maggiore per Violino principale, 2 Oboi, 2 Corni, Timpani, Archi, Basso continuo RV 562

sabato 15 novembre, ore 20.30: Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretto da Lorenzo Fratini. Solisti: Silvia Capra e Sarina Rausa (soprani), Chiara Tirotta e Nadia Sturlese (mezzosoprani), Elena Cavini (contralto), Davide Cusumano (tenore), Marco Perrella (basso)

Musica sacra e profana per coro e organo di Francesco Feroci (1673-1750), Niccolò Jommelli (1714-1774), Domenico Scarlatti (1685-1757), oltre a tre brani della «Musica tolta da i Madrigali di Claudio Monteverdi, e d’altri autori, a cinque e sei voci, e fatta spirituale da Aquilino Coppini» (Milano, 1607)

Domenica 16 novembre, ore 20.30: Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Stefano Montanari

Pietro Antonio Locatelli (1695-1764), Concerto grosso in do minore op. 1 n.11 –  Georg Friedrich Händel,
Concerto grosso in fa maggiore op.3 n. 4; Concerto in si bemolle maggiore con violino principale «Sonata a cinque» HWV 288; Concerto grosso in re minore op.3 n.5 –  Andrea Portera (n. 1973), «A…», pezzo su commissione dell’Opera di Firenze –  Georg Friedrich Händel, Concerto grosso in re maggiore/minore op.3 n.6

Info e biglietti sul sito dell’Opera di Firenze

Maggio Musicale, Musica Barocca, Opera di Firenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080