Il testo andrà in Aula con parere negativo

Regione Toscana, bilancio 2015 bocciato in Commissione dal voto contrario di Sel: «Troppi tagli a cultura e scuola»

di Redazione - - Cronaca, Politica

Il Consiglio regionale della Toscana

Il Consiglio regionale della Toscana

FIRENZE – Legge finanziaria e bilancio 2015 della Toscana: entrambi sono stati bocciati, oggi 10 dicembre, dalla Commissione cultura del Consiglio regionale, grazie al voto contrario delle opposizioni a cui si è sommato quello di Sinistra ecologia e libertà (Sel).

A darne notizia è il consigliere Mauro Romanelli (Gruppo misto in quota Sel), che fa parte della maggioranza ma ha votato contro. «Il mio voto contrario – sottolinea Romanelli – è stato decisivo per la bocciatura del provvedimento in commissione, che andrà quindi in Aula col parere negativo. Capisco che il mio sia stato un atto forte, uno strappo nella maggioranza, che non ho fatto certo per divertimento o con leggerezza».

Romanelli spiega di aver espresso voto contrario a causa dell’impostazione del provvedimento e dei tagli previsti nel bilancio regionale 2015 che ammontano complessivamente a «444 milioni di euro, di cui 310 milioni solo sulla sanità, anticipando, quindi accettando senza batter ciglio, i tagli della legge di Stabilità di Renzi, prima ancora che essa sia stata approvata dal Parlamento».

Secondo il consigliere in quota Sel «sui temi della cultura e dell’istruzione, taglio di un milione per i musei, quasi il doppio per lo spettacolo, mezzo milione in meno per il trasporto scolastico dei bambini disabili, mentre si stanzia un altro mezzo milione di euro per i buoni scuola alle scuole private. Azzerati i fondi per le classi Pegaso, le materne pubbliche fiore all’occhiello della Regione Toscana». «Di fronte a questo scenario – conclude – non ho potuto che esprimere un duro voto contrario, oltre che grande preoccupazione per quanto si va delineando».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.