Skip to main content

Firenze, insegnante precaria: un solo euro di tredicesima in busta a dicembre 2014

Tredicesima in busta paga quasi azzerata
Tredicesima in busta paga: quasi azzerata

FIRENZE – Quando ha visto la busta paga è rimasta «interdetta e incredula». Francesca Lippi, 55 anni, insegnante precaria a chiamata con graduatoria d’istituto, riscuoterà 1 euro di tredicesima al netto di tutte le ritenute.

La signora Lippi insegna nella scuola primaria dell’istituto comprensivo di Scarperia-San Piero a Sieve e ha un contratto a tempo determinato dal 27 ottobre 2014 al 3 febbraio 2015: certamente di tredicesima non poteva aspettarsi granché. Ma è il senso di umiliazione a farle raccontare la sua vicenda.

In totale, infatti, riscuoterà di tredicesima 482,23 euro ma le ritenute per addizionale Irpef e addizionale comunale – la sua prima casa è in Abruzzo -, oltre a quelle previdenziali, sono pari a 481,23 euro. La differenza, quindi, è di un solo euro.

«Mi sento presa in giro. Era meglio se mi dicevano che la tredicesima non mi spettava», spiega Francesca Lippi, ricordando che, oltretutto, essendo una precaria a chiamata non ha ancora riscosso le mensilità di ottobre e novembre e dicembre: «Ci hanno detto che saremo pagati a gennaio. Speriamo sia vero».

Lei è rientrata nella scuola da non molti anni dopo aver insegnato, sempre come supplente, nei primi tempi dopo il diploma e aver poi lavorato come giornalista, «anche in questo settore come precaria». «Lavoro 24 ore a settimana, come previsto dal contratto – conclude Francesca -. Non contavo certo sulla tredicesima ma una busta paga così non credevo fosse possibile».

precari scuola, san piero a sieve, scarperia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741