Lunedì 23 gennaio alle 16

Firenze: alla Biblioteca umanistica dell’Università si celebra il Giorno della Memoria con una reduce dalle persecuzioni razziali

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

FIRENZE – Lunedì 23 gennaio alle 16 nella Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze la Fondazione il Fiore celebra il Giorno della Memoria col libro dello studioso Marco Piccolino sulla vicenda, fra Versilia e Garfagnana, delle famiglie Sraffa e Ventura-Trevi, aiutate da quattro «Giusti fra le Nazioni», fra cui Don Lazzeri (poi morto a Sant’Anna), e dai coniugi Giannecchini.

Intervengono, con l’autore e lo storico Paolo Buchignani, la figlia dei Giannecchini, Vittoria Pieroni, all’epoca bambina, e, fra i salvati, Franca Sraffa, protagonista della storia. Saluto di Floriana Tagliabue e Laura Forti. Coordina Maria Giuseppina Caramella. Ingresso libero.

La storia di come due famiglie ebree toscane, i genitori di Franca Sraffa e gli zii Augusto Ventura e Giuseppina Trevi, riuscirono a sfuggire ai nazifascisti dal 1943 al 1945, fra la Versilia e le colline della Garfagnana, grazie all’aiuto di alcune coraggiose e solidali persone, quattro delle quali hanno ottenuto il riconoscimento di «Giusti fra le Nazioni» della Yad Vashem per chi si è distinto nel salvare ebrei durante la Shoah: il sacerdote Don Innocenzo Lazzeri, che fu poi ammazzato nell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema, il medico versiliese Mario Lucchesi e due contadini della Garfagnana, Giuseppe Mansueto e Maria Rossi. Ai quattro giusti vanno aggiunti i coniugi Carlo e Carlotta Giannecchini, che avevano accolto con generosità gli Sraffa e i Ventura a Greppolungo tra l’ottobre del ‘43 e il febbraio del ’44.

La vicenda è ricostruita con meticolosità certosina e poi narrata con abbondanza di immagini fotografiche nel libro «Dalla Versilia alla Garfagnana – storia di Ebrei e di Giusti» (Edizioni il Campano 2016) di Marco Piccolino.

Come sottolinea Adriano Prosperi nella sua Prefazione al libro, si tratta di «un frammento di storia», una sorta di «minuscolo relitto» nel gigantesco naufragio della Shoah, che «si affaccia qui dalla memoria dei sopravvissuti e viene verificato sul terreno e arricchito di immagini e testimonianze dalla paziente, appassionata ricerca di Marco Piccolino»: una vicenda «maturata in un contesto sociale che si dimostrò capace di gesti fraterni e protettivi e di veri e propri eroismi», anche se non mancarono i delatori al servizio dei nazisti. «Con la ricostruzione delle reti di vicinato e di memoria – scrive Prosperi – il racconto riporta davanti a noi un volto del paesaggio e della storia italiana oggi cancellato: il bosco, la fatica di un popolo che viveva di magre risorse ma si mostrava capace nell’infuriare della guerra di spregiare il peculio promesso a chi tradiva la presenza di ebrei e di mantenere vivi i valori della convivenza civile e della solidarietà umana».

Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel.: 055-225074

 

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: