Individuato un altro componente del gruppo, già espulso dall'Italia

Brindisi, terrorismo: arrestato un congolese legato alla rete di Anis Amri: Era stato ospite del centro rifugiati di Restinco (Br)

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

 

BRINDISI – Scoperti altri presunti terroristi legati alla rete di Anis Amri, l’attentatore omicida di Berlino. La polizia di Brindisi ha arrestato Nkanga Lutumba, un congolese di 27 anni residente in Germania, in passato ospite del Centro permanenza per rifugiati di Restinco. L’uomo, accusato di associazione con finalità di terrorismo internazionale, secondo le indagini faceva parte di una cellula più ampia composta da 11 persone.

Gli investigatori hanno infatti individuato un altro soggetto transitato per l’Italia. Si tratta di Amri Soufiane, marocchino di 22 anni espulso dal nostro Paese. Proprio quest’ultimo pare fosse in collegamento con Anis Amri, l’attentatore al mercatino natalizio di Berlino ucciso nel milanese a distanza di qualche giorno dall’attentato. L’operazione antiterrorismo, condotte dalla Digos di Brindisi, ha permesso di riscontrare il loro percorso di radicalizzazione religiosa e la disponibilità al compimento di atti violenti, anche con il sacrificio personale, in diversi scenari operativi. Le indagini, sviluppate con il coordinamento del Servizio centrale antiterrorismo e con il supporto del Servizio cooperazione internazionale di Polizia che ha assicurato il raccordo con le autorità tedesche, avrebbero accertato la totale adesione all’ideologia dello Stato Islamico di Lutumba e Soufiane, oltre a individuare e neutralizzare le progettualità della cellula, composta da 11 membri.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.