Reagisce il M5S, la colpa è del Pd

Sciopero trasporti: disagi a Firenze e in molte altre città. Renzi attacca i sindacati e il sindaco Raggi

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

ROMA – Disagi per i cittadini  in molte città per lo sciopero dei trasporti. «Devo dire che nei mille giorni non abbiamo regolamentato il diritto di sciopero per evitare che le piccole sigle mettano in ginocchio il Paese, di solito di venerdì» ha ammesso il segretario del Pd Matteo Renzi. Ecco la situazione nelle varie città, a cominciare da Firenze, dove in molte zone si lamentano disagi creati dal blocco del traffico nelle ore pomeridiane, quelle dello sciopero Ataf.

Firenze – disagi con lo stop degli autobus Ataf dalle 15.15 alle 19.15 indetto da Rsu nell’ambito dello sciopero nazionale, ma riferito a Firenze anche alla vertenza in corso fra azienda e sindacati. Secondo la Cgil, alla sciopero avrebbero aderito il 90% dei dipendenti, comportando una quasi totale sospensione del servizio per quattro ore.  Le conseguenze sul traffico cittadino sono diventate visibili subito: completamente bloccata la zona dell’aeroporto, in uscita verso l’A11, con code già all’altezza del Palazzo di giustizia e del ponte all’Indiano. Situazione critica anche nei dintorni della Fortezza da Basso, dove piazzale Montelungo è stato chiuso dalle 15 per lo smontaggio degli allestimenti di Pitti Immagine Uomo.

A Roma chiusa la metropolitana, la linea ferroviaria Roma-Lido e la linea urbana Roma-Viterbo. Funziona invece, ma con forti riduzioni di corse la Termini-Centocelle. Sospese le limitazioni al traffico nella ztl centrale. Particolari disagi al traffico nel quadrante sud della Capitale a causa di alcuni incidenti. La situazione all’aeroporto di Fiumicino è regolare perché in vista dello sciopero indetto da alcuni sindacati autonomi, Alitalia, “per limitare i disagi”, ha preventivamente cancellato oppure anticipato o posticipato l’orario di partenza di alcuni voli, informando peraltro per tempo i passeggeri delle modifiche attuate.

A Milano, secondo quanto riferito dall’Atm, le linee metropolitane 1, 2 e 3 funzionano, mentre la 5 sul sito della municipalizzata risulta interrotta. La situazione nelle stazioni è di affollamento, ma non sono segnalati problemi di rilievo, probabilmente anche grazie all’ utenza parzialmente diminuita per la fine delle scuole.

Caos a Venezia con Piazzale Roma invaso dalle auto di chi è costretto per ragioni di lavoro a raggiungere con questo mezzo il centro storico; presi d’assalto i taxi.

A Torino, invece,  il trasporto pubblico ha funzionato regolarmente: uno sciopero è in calendario per il 6 luglio.

Renzi: L’ennesimo sciopero dei trasporti è uno scandalo. Fatto ancora una volta di venerdì. E proclamato da piccole sigle che utilizzano ancora una volta l’alibi della privatizzazione. A Firenze cinque anni fa abbiamo messo a gara il servizio e lo ha vinto un’azienda pubblica, le Ferrovie dello Stato. Si può fare di più, ma adesso lo gestiscono meglio che in passato. Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi, che ha attaccato anche la sindaca Raggi.

M5S: Immediata la reazione del Movimento grillino: «Vorremmo ricordare a Renzi che lo sciopero dei trasporti di oggi e’ a livello nazionale ed è contro una norma voluta dal suo partito e Governo! Per questo l’ex premier e segretario Pd, invece di attaccare senza senso la Giunta Raggi, farebbe meglio a pensare a come far revocare una manifestazione contro una norma del Pd che ha cancellato una legge che tutelava i lavoratori del settore del trasporto pubblico».

In queste meschine diatribe politiche chi ci va di mezzo, come al solito, sono i cittadini, che chiederebbero ai membri del parlamento e ai responsabili dei partiti di risolvere i loro problemi e non di battibeccare fra loro con polemiche pretestuose e senza senso.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.