Monte Paschi: a breve il salvataggio definitivo, lo afferma il ministro Padoan. Lo Stato diventerà socio a luglio

MILANO – All’antivigilia dell’appuntamento più atteso da ogni senese, cioè a dire il Palio delle contrade, il cda di Montepaschi si riunisce a Rocca Salimbeni per esaminare il piano di ristrutturazione della banca, che ormai attende solo l’approvazione della Commissione europea. Dopo quella, lo Stato potrà diventare socio dell’istituto al 70%, investendo circa 6 miliardi con la ricapitalizzazione precauzionale. A quel punto Mps sarà definitivamente salva.

Il governo non pare in apprensione per l’esito dell’operazione. Il caso del Monte dei Paschi di Siena sarà risolto, mi auguro nei prossimi giorni e in un modo assolutamente trasparente e chiaro e in pieno accordo con le istituzioni, ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. Lo Stato diventerà azionista di riferimento entro la fine di luglio. I numeri del piano verranno ufficializzati solo dopo il via libera dell’Unione europea, ma l’ordine di grandezza degli elementi fondamentali dell’operazione dovrebbe essere definito. Il rafforzamento patrimoniale sarà di 8,3 miliardi, contro gli 8,8 chiesti in prima battuta dalla Bce. Per quel che riguarda i tagli al lavoro, il dato finale dovrebbe avvicinarsi ai 6 mila esuberi, su un totale di 25 mila dipendenti. Le filiali da chiudere saranno attorno a 400; ora sono 1.860.

L’ultima risposta arrivata è stata quella di Atlante 2, che ha presentato una proposta per lo smaltimento dei 26 miliardi di sofferenze lorde della banca senese. Anche quel progetto sarà valutato dal cda senese. Lo schema prevede che i crediti deteriorarti vengano ceduti al 20,5% del loro valore nominale a una società veicolo, che emetterà 3,3 miliardi di bond senior garantiti dallo Stato con le Gacs e 1,6 miliardi di titoli mezzanini/junior acquistati da Atlante 2.

 

Monte Paschi, padoan, salvataggio, stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080