Continuano le espulsioni di sospetti legati al terrorismo

Terrorismo: espulso un altro cittadini tunisino, fratello di un foreign fighter, è il 58° del 2017

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

ROMA – Un cittadino tunisino ventiduenne è stato espulso dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale. Lo fa sapere una nota del Viminale. Lo straniero, fermato lo scorso 24 giugno insieme ad altri 10 connazionali appena sbarcati sull’isola di Linosa, a seguito dei controlli sulle impronte digitali, era risultato positivo nello schedario AFIS in quanto già espulso il 3 dicembre 2015 in esecuzione di un provvedimento emesso dal ministro dell’Interno pro tempore per motivi di sicurezza nazionale. È stato quindi arrestato e trattenuto nel Centro per rimpatri di Caltanissetta.

Inoltre, il tunisino espulso, fratello di un foreign fighter segnalato in ambito di collaborazione internazionale come reclutatore di combattenti in favore dello Stato Islamico ed inserito nella lista consolidata dei jihadisti/combattenti partiti dall’Italia verso la Siria, aveva contatti anche con altri jihadisti partiti dall’Italia verso il teatro di guerra siro-iracheno ed estremisti già emersi in contesti investigativi, tra cui un 41enne tunisino, rintracciato a Linosa insieme a lui e già espulso dall’Italia con provvedimento del ministro dell’Interno del novembre 2015.

Con questo rimpatrio, il 58° del 2017, sono 190 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.