L'intervento di Asl e vigili del fuoco

Prato: nube urticante da azienda chimica. Bruciori e qualche difficoltà respiratoria

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

PRATO – Non era tossica ma urticante, la nube che si è sprigionata in serata da un’azienda chimica di Prato. Ancora non è chiaro da cosa sia stata causata, ma una delle ipotesi che la nube si sia sprigionata da alcuni contenitori di sostanze chimiche che si trovano nello stabilimento, nel quale si producono detergenti e sostanze per le tintorie, forse a causa di un principio d’incendio.

Alcune delle persone che abitano nella zona avrebbero, secondo qualche testimonianza, accusato bruciore e difficoltà respiratorie. Il Comune di Prato ha raccomandato a tutti i residenti della zona di tenere chiuse le finestre e tenere spenti gli impianti di condizionamento che prendono aria dall’esterno. Sul posto i vigili del fuoco e personale della protezione civile, della Agenzia regionale di protezione ambientale e della Asl.

In serata è stato appurato che la nube è di una sostanza urticante, ma non tossica. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco l’entità della nube, che aveva invaso la zona di via Galcianese, si sta drasticamente riducendo. Il sindaco di Prato Matteo Biffoni ha riferito che quattro persone sono state portate al pronto soccorso a scopo precauzionale e, sempre per precauzione, ha chiesto agli abitanti della zona di non uscire di casa.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.