Saranno stanziati tra tra 1,5 e 1,7 miliardi

Contratto sicurezza: aumenti di oltre 200 euro mensili per forze armate, forze dell’ordine e vigili del fuoco

di Paolo Padoin - - Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

ROMA – Intesa con i sindacati di Polizia, Forze armate e Vigili del fuoco entro l’anno, in modo che gli aumenti arrivino in busta paga a gennaio o al più tardi a febbraio. A prendere l’impegno è Angelo Rughetti, sottosegretario alla Pubblica amministrazione con delega per la trattativa nel comparto sicurezza, che in un’intervista al Messaggero annuncia più risorse per chi opera sulle strade.

Sulla sicurezza abbiamo fatto un investimento importante, con diverse misure: gli 80 euro riservati al settore, il riordino delle carriere, la riapertura della negoziazione. La somma finale andrà oltre i 200 euro al mese, dice Rughetti. Non è possibile pensare di recuperare gli anni di blocco perché i vincoli di finanza pubblica non ce lo permettono, però c’è uno sforzo verso queste persone che vuol dire ‘Ci teniamo a voi. Ma le misure si inseriscono in un quadro più grande. Quindi tuteliamo le specificità del comparto ma la linea è quella definita per tutti attraverso l’intesa dello scorso 30 novembre con i sindacati. L’attenzione alla sicurezza – prosegue Rughetti – ha una valenza non solo verso gli operatori. Vogliamo rafforzare i servizi di cui la gente sente più necessità. C’è insicurezza e le persone vogliono sentirsi rassicurate. La presenza delle forze dell’ordine in strada invece che negli uffici dà un senso di protezione e quindi ha una valenza maggiore. In accordo con i sindacati nella fase di contrattazione decentrata daremo un segnale di questo tipo.

Sui tempi, ci aspettiamo di chiudere l’intesa entro dicembre, spero anche prima, in contemporanea con l’approvazione della legge di Bilancio. In questo modo l’accordo potrà andare alla registrazione, poi ci sarà l’emanazione del Dpr e gli aumenti arriveranno con la retribuzione di gennaio o al massimo di febbraio, spiega Rughetti. Sulle risorse c’è stato l’impegno del governo Renzi prima e Gentiloni poi. Saranno stanziati gli ulteriori fondi necessari a garantire l’aumento di 85 euro a tutti. I conti li fa la Ragioneria ma parliamo di una cifra tra 1,5 e 1,7 miliardi.

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.