Messo in discussione tutto il dispositivo salvabanche del governo Renzi

Salvabanche, Ferrara: Tribunale condanna Nuova Carife a risarcire i danni a un risparmiatore

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

FERRARA – Il tribunale di Ferrara ha condannato la Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara, l’ente ponte creato per la cessione della vecchia Carife alla Banca Popolare dell’Emilia-Romagna, al risarcimento dei danni subiti da un risparmiatore che aveva comprato azioni, pari alla somma versata (circa 19mila euro) oltre rivalutazione monetaria, interessi e spese. Lo riportano Resto del Carlino e Nuova Ferrara. La ragione della condanna sta nella violazione da parte della vecchia Carife di alcune norme del Testo unico finanziario e del regolamento Consob attuativo della direttiva Mifid, cioè la direttiva europea che ridisegna le tutele del cliente/investitore.
Il tribunale ha respinto l’eccezione di difetto di legittimazione passiva sollevata dalla difesa della Nuova Cassa di Risparmio osservando che questa risponde di tutti i debiti della vecchia, compresi quelli derivanti alla vendita di azioni od obbligazioni, purché conseguenti nullità o inadempimento.
Visto che la Nuova Carife è stata assorbita dal gruppo Bper e tra pochi giorni cesserà di vivere per passare anche con il nome nella banca popolare, sarà il gruppo modenese a questo punto, secondo il tribunale, a dover risarcire le azioni.
Per gli avvocati Giovanni Franchi, Stefano Di Brindisi e Lucia Caccavo, che hanno seguito l’investitore, è una tappa fondamentale «per la tutela degli azionisti di tutte le quattro banche: Carife, Carichieti, Banca Marche e Banca Etruria finite in amministrazione straordinaria. I quali hanno ora la possibilità di recuperare i denari perduti, così come – aggiungono – gli obbligazionisti subordinati che non hanno ricevuto per qualche motivo il rimborso». Secondo i legali «non è vero che non vi è altra strada che la costituzione di parte civile nei processi penali avviati contro amministratori e sindaci di quelle società, e l’ordinanza del tribunale dimostra che la via maestra è quella del giudizio civile, da avviare dopo aver dato corso alla mediazione obbligatoria. Occorre esaminare caso per caso e individuare i punti favorevoli per ciascun risparmiatore. Ogni caso è singolo e la sentenza apre speranze e possibilità per altri azionisti».

«Con la sentenza del Tribunale di Ferrara, che ha disposto un risarcimento in favore di un azionista ex Carife, a carico della banca ponte nata dopo il dissesto dell’istituto di credito ferrarese, ora è in discussione tutto l’impianto normativo del Salvabanche e torna d’attualità il tema della sua possibile incostituzionalità». E’ quanto sostiene, in una nota, il capogruppo della Lega Nord in Regione Emilia-Romagna, Alan Fabbri. «Abbiamo già ottenuto molti risarcimenti per gli obbligazionisti subordinati – aggiunge l’esponente del Carroccio – questa sentenza ci dà un’ulteriore spinta, perché smonta l’applicazione del bail in. L’obiettivo è ora ottenere giustizia anche per gli azionisti e alla luce di questa sentenza, chiediamo l’istituzione di un fondo regionale che sostenga chi intraprende l”azione legale».

Sembra  aprirsi dunque una nuova strada anche per gli azionisti truffati di banca Etruria i quali, oltre che protestare contro Renzi e la Boschi, venendo poco democraticamente respinti o arginati dalle Forze di Polizia (diktat del rottamatore), possono adesso, come dicono gli avvocati ferraresi, far riferimento a questa sentenza che riguarda proprio il decreto salvabanche, quello approvato dal governo Renzi.

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: