Ritenute non fondate le questioni poste

Vaccini: la Consulta respinge il ricorso del Veneto. Decide il legislatore nazionale

di Redazione - - Cronaca, Politica, Primo piano

ROMA – La sentenza era molto attesa. Non è mancata qualche delusioni. La Corte Costituzionale, infatti, ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini. Secondo i giudici costituzionali, le misure in questione rappresentano una scelta spettante al legislatore nazionale. Lo ha deciso la Corte Costituzionale al termine della camera di consiglio.

Il passaggio da una strategia basata sulla persuasione a un sistema di obbligatorietà dei vaccini si giustifica alla luce del contesto attuale caratterizzato da un progressivo calo delle coperture vaccinali. E’ quanto emerge dalla decisione della Corte Costituzionale sui ricorsi del Veneto sull’obbligo vaccinale.  «La mancata vaccinazione non comporta l’esclusione dalla scuola dell’obbligo dei minori, che saranno di norma inseriti in classi in cui gli altri alunni sono vaccinati». E’ quanto specifica la Corte Costituzionale in merito alla decisione con cui ha respinto come infondati i ricorsi del Veneto.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.