In occasione dell'edizione numero 93

Firenze, Pitti Uomo: stasera, 8 gennaio, cena di gala nella Sala Bianca. Con Roberto Capucci

Una sfilata nella Sala Bianca di Palazzo Pitti

FIRENZE – Sede di culto per la moda italiana e  primo set internazionale delle sfilate negli anni ’50, la Sala Bianca di Palazzo Pitti a Firenze torna a ospitare i protagonisti del settore per una cena di gala in occasione dell’apertura dell’edizione 93 di Pitti Uomo (9-12 gennaio alla Fortezza da Basso). «Firenze Hometown of Fashion», l’evento organizzato alla vigilia di Pitti, per stasera 8 gennaio, dal Centro di Firenze per la moda italiana in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi: il programma prevede una visita alla mostra Tracce al Museo della moda e del costume di Pitti, poi un cocktail alla Galleria delle Statue, infine il dinner nella scenografia degli stucchi della Sala Bianca.

Circa 200 gli ospiti attesi, tra i quali il maestro Roberto Capucci, che proprio nella Sala Bianca di Pitti ha debuttato con la sua prima sfilata di moda, nel 1952. E sempre a Palazzo Pitti sarà presentata e inaugurata la mostra «Capucci Dionisiaco, disegni per il teatro», aperta dal 9 gennaio al 14  febbraio. L’allestimento sarà minimo, nel rispetto del luogo e dei vincoli legati alla sicurezza: una serie di grandi tavoli imperiali, niente candele (non è consentito), mise-en-place e menu raffinato ed elegante curato da Galateo. Ad accompagnare la cena un intrattenimento musicale dal vivo con un gruppo jazz con voce femminile.

«Avendo inaugurato le prime due stagioni dell’accordo tra le istituzioni della moda e della cultura con una cena di gala sul terrazzo del Rondò di Bacco di Palazzo Pitti, ora invece
iniziamo il terzo anno della nostra collaborazione strategica con un gala nella Sala Bianca, quel luogo mitico per Firenze e per l’Europa, dove la moda moderna nacque nell’immediato
dopoguerra», spiega Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi. L’evento sancisce la liason tra Cfmi e Gallerie degli Uffizi, valorizza i temi di un sistema che funziona e dà
ricchezza. La Sala è il luogo più rappresentativo di questo messaggio, come afferma Andrea Cavicchi, presidente del Centro, confidando anche la volontà di dare continuità all’accordo con
le Gallerie degli Uffizi.

cena, palazzo pitti, pitti uomo, Sala Bianca


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080