I fedelissimi del segretario, ad eccezione della Boschi, tutti in regione

Elezioni Toscana: i candidati principali dei vari partiti nella nostra regione

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

FIRENZE – Prende una forma sempre più definita il mosaico delle candidature in Toscana per le elezioni politiche del 4 marzo, dopo l’annuncio dei candidati del Partito Democratico nei collegi di Camera e Senato. Una pattuglia simbolicamente capitanata dal segretario Matteo Renzi, capolista al Senato nel collegio uninominale di Firenze, e che, data la forza dei Democrat in Toscana, contiene anche qualche nome da fuori regione: è il caso del ministro Roberta Pinotti, capolista al Senato nel collegio Toscana 1, di Roberto Giachetti, nel collegio uninominale di Sesto Fiorentino alla Camera, e di Alessia Rotta, capolista del proporzionale alla Camera per il collegio delle province toscane del sud.

I fedelissimi di Renzi fanno il pieno più o meno ovunque (da Luca Lotti a Empoli ad Andrea Romano a Livorno per la Camera, da
Francesco Bonifazi capolista del plurinominale Toscana 2 ad Andrea Marcucci nell”uninominale nella sua Lucca per il Senato), con l”eccezione della orlandiana Silvia Velo nell’uninominale del Senato a Livorno.

Ma nell’uninominale c’è anche spazio per gli alleati: in corsa il sottosegretario centrista Gabriele Toccafondi a Firenze come il radicale Benedetto Della Vedova a Prato per la Camera, e il socialista Riccardo Nencini ad Arezzo per il Senato.

Le liste degli altri partiti sono ancora in larga parte da definire, ma alla luce delle candidature già annunciate non mancheranno duelli ”stuzzicanti”: contro Renzi dovrebbe correre per il centrodestra Letizia Giorgianni, portavoce del Comitato vittime del salvabanche, mentre l”economista leghista (e No Euro) Claudio Borghi sfiderà per la Camera a Siena il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan.
La casella dell”uninominale alla Camera a Pisa (per il Senato c’è la ministra Valeria Fedeli) è stata riempita all’ultimo tuffo: dovrebbe correre Lucia Ciampi, attuale sindaco di Calcinaia che contenderà i voti a sinistra a Nicola Fratoianni.
E nel plurinominale al Senato il M5s conterà su Gregorio De Falco, il capitato di fregata diventato famoso per aver redarguito il capitano Francesco Schettino mentre la Costa Concordia affondava davanti all’Isola del Giglio.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Commenti (2)

  • PIERLUIGI

    |

    Visto che siamo in democrazia avrei da proporre nuovi siti per le candidature:
    – il nostro lo manderei capolista nella capitale del “paese dei balocchi”
    – la nostra, a nord potrebbe candidarsi ad Innsbruck , a sud a Tobruk.

    Rispondi

  • Pierlugi

    |

    Meno male che siamo in democrazia…….

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.