Bekaert: i lavoratori approvano (94% si) l’accordo concluso a Roma

di Camillo Cipriani - - Cronaca

FIRENZE – Sono 280 i sì (94%) tra i lavoratori della Bekaert all’accordo sindacale. «Siamo particolarmente soddisfatti -spiega in una nota Ferdinando Uliano, segretario nazionale della Fim Cisl- della valutazione positiva data dai lavoratori Bekaert all’accordo sindacale del 2 ottobre 2018 sottoscritto in sede ministeriale. Questo accordo sindacale è un accordo storico, ha evitato i 318 licenziamenti, ha messo in campo una serie di strumenti utili per dare risposte concrete e occupazionali ai lavoratori coinvolti da un processo di chiusura aziendale. La cassa integrazione per cessazione e reindustrializzazione per 12 mesi è uno dei tanti strumenti -continua Uliano- che abbiamo  conquistato per accompagnare questo processo, ma non è l’unico. Questi risultati non li avremmo raggiunti se non fossimo riusciti come sindacato a sospendere di altri 30 giorni i licenziamenti previsti inizialmente il 3 settembre. Con la nostra determinazione siamo riusciti a convincere Bekaert a concedere ciò che non aveva concesso il giorno 5 luglio in sede ministeriale».

«Quei 30 giorni in più, a disposizione, sono serviti -spiega ancora il dirigente sindacale- per costruire le condizioni per giungere a un accordo positivo, con la cigs e tutti gli strumenti di rioccupazione e reindustrializzazione. Abbiamo obbligato la società a tenere aperta l’attività fino al 31 dicembre 2018 e a lasciare la produzione del filo tubo, con una parte dello stabile e dei macchinari per una possibile reindustrializzazione. In questi giorni, si è già manifestata una proposta di un importante gruppo industriale».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.