Ancora possibili danni dal governo del rottamatore

Milano: Air Force di Renzi, deciderà il Tribunale. Ci potrebbe costare 25 milioni

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

MILANO – Il divorzio fra Alitalia e Etihad è arrivato in Tribunale a Milano, perché vi sono ancora molte questioni irrisolte, fra le quali anche la restituzione dell’Air Force di Renzi, restituito dal Governo al mittente perché troppo costoso e inutile.

La compagnia di Abu Dhabi si è rivolta al Tribunale di Milano per risolvere la disputa. Una prima udienza è stata fissata per questi primi giorni di novembre.

Ricordiamo che il cosiddetto Air Force Renzi, ovvero il grosso quadrigetto Airbus A340-500 voluto appunto dall’allora Premier Matteo Renzi e già della compagnia emiratina era stato oggetto di un contratto complesso, ed era stato acquisito tramite una complessa e molto costosa operazione che ha visto protagonisti Etiahd, una compagnia di leasing a lei vicina, Alitalia e il Ministero della Difesa italiano. Lo stesso contratto è stato di recente disconosciuto dall’attuale Governo Gialloverde, ed è stato unilateralmente annullato. Anche su questo verte la disputa.

Da qualche mese l’Airbus A340-500 è praticamente abbandonato a se stesso in uno degli hangar dell’aeroporto romano di Fiumicino. Nessuno ne vuole più sapere e tutti se ne disinteressano, compresa Etihad che ne è proprietaria e che non ha intenzione di riprenderselo. Da Abu Dhabi pretendono il pieno rispetto del contratto che scadrà nel 2025. Qualcosa come 25 milioni di euro.

 

Tag:, ,

Commenti (1)

  • PIERLUIGI

    |

    Invece di comprare aerei si dovrebbe pensare a sistemare boschi e corsi d’acqua…………..
    Vedi Arno dopo 52 anni dall’alluvione.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.