Firenze, qualità vita: dati sbagliati, sale dal 54° al 33°posto. Scuse e rettifica di Italia Oggi

FIRENZE – E’ stata rettificata la classifica  sulla qualità della vita nelle città pubblicata da ItaliaOggi e nella quale Firenze scendeva dalla 37esima alla 54esima posizione. Sul quotidiano oggi appare la rettifica di Alessandro Polli, ricercatore dell’Università La Sapienza di Roma, che ha elaborato i dati per la classifica. Il ricercatore spiega che, per quanto riguarda il  capoluogo della Toscana, erano sbagliati i dati relativi al tasso occupazione/disoccupazione. In base alla nuova elaborazione dei dati Firenze, anziché scendere, sale piazzandosi al 33esimo posto.

«In tanti prendendola per veritiera – ha scritto su Facebook il  sindaco di Firenze Dario Nardella – ne hanno approfittato per criticarci e attaccarci: mi dispiace per loro, ma grazie a una nostra
richiesta di verifica, si è scoperto che la classifica conteneva errori madornali. Il primo cittadino di Firenze, che ieri aveva ventilato la possibilità di adire le vie legali, ha aggiunto: Ci sono arrivate le scuse da chi ha sbagliato la classifica, che accettiamo  volentieri, e la classifica con i dati corretti: Firenze non solo non scende ma risale di altre quattro posizioni arrivando al 33/o posto,
diventando così la prima città metropolitana in Italia per qualità della vita. Andiamo avanti. E a chi ci critica rispondiamo con l’amoreper la nostra città!».

L’assessore al bilancio Lorenzo Perra commenta così la rettifica pubblicata questa mattina da ItaliaOggi in merito alla classifica di lunedì scorso: «ItaliaOggi ha pubblicato questa mattina
la rettifica della classifica sulla qualità della vita 2018, ammettendo che alcuni dati erano sbagliati; usando i dati giusti, nella classifica finale Firenze non solo non perde 17 posizioni ma bensì ne acquista 4, salendo al 33esimo posto, e collocandosi prima fra tutte le città metropolitane d’Italia. Noi avevamo segnalato subito che alcuni dati erano sbagliati – ha aggiunto Perra – fra questi la disoccupazione giovanile, che non è al 42,98% come riportato nella ricerca ma al 16,4%; sbagliato nella ricerca era anche il tasso di occupazione (il valore riportato nella pubblicazione era 62,12, il valore Istat invece è il 69,3%) e il tasso di disoccupazione (valore riportato nella pubblicazione 11,71 valore fonte Istat 6,8). Non solo: anche nel metodo la ricerca ci sembrava discutibile, perché ha preso in esame indicatori che spaziano dal 2013 al 2017 e sovrapponevano cifre comunali con cifre provinciali».

Firenze, qualità vita, rettifica


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080