L'istituto fiesolano si apre alla città

Fiesole: ricercatori dell’Università europea spiegano l’Ue alla popolazione

di Redazione - - Cronaca, Economia

FIESOLE – La crescente mancanza di fiducia verso le istituzioni nazionali ed europee e le evidenti difficoltà di comunicazione fra il mondo della ricerca e la società civile, impongono oggi agli accademici di non restare isolati nel rigore delle aule universitarie ma di aprirsi alla cittadinanza e di dedicarsi ad una divulgazione più ampia e costruttiva.

A tal scopo, alcuni ricercatori dell’Istituto Universitario Europeo (IUE) di Fiesole hanno dato vita al gruppo “Engaged Academics” (accademici attivi), il quale si pone come obiettivo quello di fare da ponte fra l’Istituto di eccellenza fiesolano e la società civile di Firenze, Fiesole e dintorni.

Pertanto, in un momento in cui le politiche e il funzionamento dell’Unione europea vengono sempre di più percepiti come temi estremamente distanti dalla società civile, gli “Engaged Academics” dell’IUE e il comune di Fiesole sono lieti di presentare il ciclo autunnale d’incontri aperti al pubblico Parliamo d’Europa.

Questa serie di tre incontri può essere definita come un vero e proprio esperimento sociale, in cui accademia e amministrazione locale si pongono al servizio della cittadinanza per tentare di dare risposte ai dubbi, ai quesiti irrisolti e, perché no, alla rabbia che a volte sembrano circondare alcuni temi di particolare rilevanza pubblica.

Tali incontri non intendono essere delle lezioni cattedratiche ma dei dibattiti pubblici preceduti da brevi interventi dei ricercatori di carattere introduttivo.

Siamo arrivati al terzo incontro, dedicato all’euro e le politiche monetarie dell’Unione , che si terrà presso la Biblioteca Comunale di Compiobbi mercoledì 12 dicembre alle ore 18.00

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.