Il direttore tedesco sempre in prima pagina

Firenze: Schmidt (Uffizi) ora lancia l’allarme sicurezza. E chiede al prefetto un vertice

di Paolo Padoin - - Cronaca, Cultura, Politica, Top News

FIRENZE – L’attivismo del direttore degli Uffizi Eike Schmidt sembra non aver fine. Dopo aver conquistato le prime pagine di con la richiesta, avanzata al governo del suo paese, la Germania, di restituire il quadro Vaso di fiori, rubato dai soldati nazisti in ritirata durante la seconda guerra mondiale, oggi il Direttore rincara la dose: «Avere una risposta nelle prossime settimane sarebbe una gran bella cosa, sarebbe il primo passo per risolvere la situazione. Non mi sarei aspettato una risposta veloce – ha precisato – I media tedeschi hanno cominciato oggi a riprendere l’appello».

Ma sempre oggi, 2 gennaio, Schmidt anticipa ai giornali questioni di sicurezza, indicando che il prefetto Laura Lega ha in programma di organizzare una riunione del Comitato provinciale dell’ordine e la sicurezza pubblica per esaminare la questione della sicurezza nel piazzale antistante alla Galleria. Schmidt  stamani aveva scritto al prefetto Lega dopo l’episodio del lancio di lanterne cinesi per i festeggiamenti di Capodanno nel lungarno Anna Maria Luisa de’ Medici, attiguo al piazzale degli Uffizi.

«A parte il divieto per qualsiasi oggetto incendiario o esplosivo e la necessità di aumentare gli agenti in azione – ha spiegato Schmidt -, tutti i particolari vanno concordati con le forze dell’ordine». Il direttore degli Uffizi chiede più tutela per tutte le giornate di grandi eventi, in particolare Capodanno, San Giovanni (24 giugno, festa del patrono), e «qualsiasi giorno di partite di calcio principali durante l’anno: questi sono i momenti a rischio in base a ciò che abbiamo visto».

Normalmente sono sindaco e prefetto che preannunciano riunioni di questo tipo. «In occasione della notte di San Silvestro è stata una fortuna che non sia successo nulla, ha aggiunto il direttore, spiegando che due lanterne hanno toccato la facciata: una ha toccato una parte in pietra serena, l’altra è rimasta un po’ di tempo sotto il loggiato. Hanno toccato la pietra, quindi non c’era pericolo di incendio, ma sulla facciata ci sono anche le finestre in legno, sia pur trattate in maniera ignifuga: cosa che rallenterebbe un incendio, ma non potrebbe escluderlo».

Lo stesso direttore dunque esclude possibilità di pericolo immediato nei casi che si sono verificati, e per i quali chiede l’intervento prefettizio. La tutela della Galleria potrà essere studiata con maggiori dettagli, soprattutto per pericoli più gravi di quelli indicati da Schmidt, ma intanto ancora una volta il direttore degli Uffizi si è assicurato ribalta e prima pagina.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.