L'analisi degli artigiani

Rispetto al 2007 l’Italia deve ancora recuperare 4,2 punti percentuali di Pil

di Camillo Cipriani - - Cronaca

MESTRE – L’ufficio studi della Cgia di mestre ha esaminato la situazione economica pre e ante crisi, confrontando i dati 2007 e 2018 del nostro Paese e ha concluso che, rispetto all’anno ante-crisi (2007) dobbiamo ancora recuperare 4,2 punti percentuali di Pil e 19,2 punti di investimenti. Si smontano gli entusiasmi a suo tempo manifestati da Renzi e, in modo minore, da Gentiloni, che sembravano i salvatori della Patria, per non parlare del governo di Monti, autoproclamatosi SalvaItalia, con la Fornero e la Cancellieri.

A distanza di 10 anni, inoltre, i consumi delle famiglie sono meno dell’1,9% e il reddito disponibile, sempre delle famiglie, è in calo del 6,8%. In materia di lavoro, l’occupazione è aumentata dell’1,7%, mentre il tasso di disoccupazione è salito dell’84,4%. Se nel 2007 il tasso di coloro che erano alla ricerca di un’occupazione si attestava al 6,1%, nel 2018 è salito al 10,5% (dato ancora ufficioso). Il monte ore lavorate è sceso a 43,2 miliardi, di 2,7 miliardi di ore (6,1%). Invece a distanza di un decennio l’export è cresciuto del 13,9%.

A rilevarlo la Cgia secondo la quale «sebbene negli ultimi 5 anni il Pil sia tornato a salire, il risultato è che rispetto l’ anno pre-crisi siamo meno ricchi, sono franati gli investimenti, spendiamo meno e abbiamo più disoccupati. Stando alle previsioni di crescita che nel triennio saranno ben al di sotto dell’1%, molto probabilmente l’Italia recupererà i 4 punti di Pil persi dal 2007 non prima del 2024: praticamente 17 anni dopo».

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 4,2 punti di Pil in meno, in gran parte riconducibili al crollo degli investimenti pubblici e privati e al calo dei consumi delle famiglie (che costituiscono il 60% dell’intera ricchezza prodotta dal paese ogni anno). Ovviamente, la contrazione dei consumi è ascrivibile all’aumento dei disoccupati (solo in piccola parte compensati dall’aumento dell’occupazione), che ha ridotto notevolmente la disponibilità di reddito delle famiglie, specie al Sud.

Nel 2018 il numero degli occupati in Italia (23,3 mln) ha superato il livello del 2007 (22,9 mln). Tuttavia, è crollato il numero delle ore lavorate. Tra il 2007 e il 2017 (ultimo anno in cui il dato è disponibile) il monte ore è sceso a 43,2 mld (- 6,1% che in termini assoluti equivalgono a – 2,7 mld di ore). Nei primi 9 mesi del 2018, sempre a confronto con lo stesso periodo del 2007, sono state recuperate 338 mln di ore. E sebbene si stato recuperato e superato il numero degli occupati del 2007, la crisi economica di questi ultimi 10 anni ha aumentato in misura rilevante i lavoratori dipendenti con contratti a termine (+22,4% rispetto al 2007). In altre parole ci sono sempre più precari.

 

 

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: