Auguri Pasqua 2019

Mentre continua la battaglia per Tripoli

Libia: 800.000 migranti pronti a invadere l’ Italia e l’Europa. Lo sostiene il premier Al Sarraj

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica, Top News

TRIPOLI – «Fate presto, il peggioramento della situazione in Libia potrebbe spingere 800mila migranti e libici a invadere l’Italia e l’Europa. E in questo enorme numero di migranti ci sono anche criminali e soprattutto jihadisti legati a Isis». Lo sostiene il premier libico Fayez al-Sarraj, in un’intervista all’inviato del Corriere della Sera a Tripoli, pubblicata sul sito del quotidiano.

Sarraj ringrazia inoltre l’Italia per la sua mediazione e per il suo sostegno per la pace in Libia.  Ringraziamenti che  ha espresso in un’altra intervista a Repubblica.it,  nella quale va all’attacco di Haftar: “Ha tradito”. “Ringrazio l’Italia per aver tenuto aperta l’ambasciata, per mantenere in funzione l’ospedale da campo a Misurata, per il supporto politico che il governo Conte ci sta offrendo – afferma il premier libico -. Siamo di fronte a un’aggressione che potrà diffondere il suo cancro in tutto il Mediterraneo. C’è bisogno che Roma e l’Ue siano unite e ferme nel bloccare la guerra di aggressione di Haftar, che ha tradito la Libia e la comunità internazionale”.

Intanto infuria la battaglia a Tripoli. Una intera compagnia di Tarhouna delle forze di Khalifa Haftar si è arresa alle forze governative libiche sul fronte di Suani ban Adem, 25km a sudovest di Tripoli. La compagnia, composta da una trentina di militari, si è consegnata uomini e mezzi – tra i quali diversi pick-up e blindati – alla brigata 166 di Misurata, attiva nell’area. E’ salito intanto a 130 morti, 560 feriti e 16mila sfollati il bilancio degli scontri in Libia.

Le forze di Khalifa Haftar hanno lanciato cinque missili Grad nel corso della notte sul quartiere di Abu Slim, a ridosso del centro di Tripoli. Lo riferiscono le autorità del municipio e numerosi residenti. Un missile ha centrato un’abitazione, causando almeno tre feriti, e distruggendo diverse auto parcheggiate nei pressi.

“Khalifa Haftar non sta compiendo un’operazione anti-terrorismo, ma un colpo di Stato”: lo ha detto l’inviato speciale dell’Onu in Libia, Ghassan Salamè, al programma radiofonico R4 della Bbc.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.