Il procuratore Zuccaro ha chiesto l'archiviazione

Migranti Sea Watch: magistrati all’attacco del governo, oltre a Salvini indagati anche Conte, Di Maio e Toninelli

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

CATANIA – Ormai le politiche dei migranti sono gestite dalla magistratura, che praticamenmte ha avocato a sè l’indirizzo di questa politica. Il volere degli elettori, le decisioni di chi è stato democraticamente posto alla guida del paese non valgono più niente. Tutto deve essere governato e deciso dai magistrati secondo le loro opinioni e interpretazioni delle leggi. Quando qualche autorità si azzarda a operare in modo diverso da quella che loro ritengono indefettibilmente la retta via, partono all’attacco come corazzate, anche su questioni di carattere amministrativo, come è successo con gli alfieri di magistratura democratica che hanno sparato a zero contro l’ordinanza del prefetto di Firenze, disposta secondo le leggi vigenti.

Adesso nell’inchiesta aperta dalla Procura di Catania sui presunti ritardi nello sbarco della Sea Watch nel capoluogo etneo oltre al ministro Salvini sono indagati anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vice premier Luigi Di Maio e il ministro Danilo Toninelli. Una replica dell’affare Diciotti, soltanto che in questo caso si è trattato di una nave che ha disatteso ordini precisi per motivi anche politici. Per tutti, apprende l’ANSA, il procuratore Carmelo Zuccaro ha presentato richiesta di archiviazione al Tribunale dei ministri di Catania, che dovrà decidere sulla loro posizione entro i prossimi 90 giorni. ma anche nella precedente occasione il procuratore Zuccaro aveva chiesto l’archiviazione, mentre poi il tribunale dei ministri aveva deciso di richiedere il processo contro Salvini. E, a nostro avviso, considerato l’atteggiamento dei giudici, si potrebbe andare verso un bis.

 

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: