Notre-Dame: la ditta ammette, alcuni operai fumavano. Ma esclude il legame con il rogo

PARIGI – Nonostante il divieto, alcuni operai impegnati nello opere di ristrutturazione di Notre-Dame avrebbero fumato. Le Bras Freres, la società edile che montava l’impalcatura attorno alla guglia di Notre-Dame, lo ha ammesso oggi, 24 aprile, davanti agli inquirenti che alcuni dei suoi operai fumavano nel cantiere.

La società si è detta rammaricata per il fatto che alcuni operai abbiano violato il divieto di fumare nel cantiere, ma ha escluso ogni legame fra le sigarette e l’incendio della cattedrale. «Effettivamente – ha dichiarato Marc Eskenazi, portavoce dell’impresa – ci sono operai che ogni tanto hanno violato il divieto, ma in nessun caso all’origine dell’incendio ci potrebbe essere un mozzicone spento male». Un articolo del Canard Enchainé ha rivelato che gli inquirenti avrebbero ritrovato sette mozziconi nella zona dei lavori.

 

Canard Enchainé, ditta, incendio, indagini, Notre Dame, operai


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080