Disastro all'aeroporto moscovita

Mosca: aereo atterra in fiamme sulla pista, almeno 41 morti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Top News

MOSCA – Tragedia all’aeroporto di Mosca: un aereo di linea della compagnia di bandiera russa Aeroflot ha preso fuoco ed è stato costretto a un atterraggio di emergenza all’aeroporto Sheremetyevo, dal quale era decollato poco prima, diretto a Murmansk. Fonti mediche citate dall’agenzia Tass parlano di almeno 41 morti e diversi feriti, ma in serata non era ancora chiaro quante fossero le vittime né le cause dell’incidente.
A bordo dell”aereo, un Sukhoi Superjet 100, c’erano 78 o 79 persone, tra cui cinque membri dell’equipaggio. Le drammatiche immagini mandate in onda dalla tv di Stato russa mostravano un’enorme colonna di fumo nero che si alzava dall”aereo in fiamme. In altri filmati si vedevano i passeggeri in fuga sugli scivoli delle uscite di emergenza e mentre si allontanavano dall’aereo.
Secondo i media russi, i piloti hanno lanciato l’allarme e chiesto l’atterraggio di emergenza pochi minuti dopo il decollo, avvenuto alle 18.03 (le 17.03 in Italia). L’incendio sarebbe infatti scoppiato quando l”aereo era in volo. Un’ipotesi che pare confermata dai video che mostrano il Sukhoi Superjet già in parte divorato dalle fiamme nel momento dell’atterraggio. L”incendio, sempre stando alle immagini, pare abbia inizialmente interessato la zona della coda. La causa della tragedia non è nota. Alcune fonti sostengono che ci sia stato un guasto al circuito elettrico. Altre
affermano che l”aereo sia stato colpito da un fulmine. Secondo una fonte interpellata dall’agenzia Interfax, un primo tentativo di atterraggio di emergenza non avrebbe avuto successo, e al secondo tentativo l’apparecchio avrebbe colpito la pista con il carrello e con la parte anteriore e si sarebbe incendiato.
Secondo la Bbc, i dati del sito Flightradar24, che dà la posizione degli aerei in tempo reale, sembrano confermare che
l’atterraggio d”emergenza sia avvenuto circa 30 minuti dopo il decollo. Kristian Kostov, un ex partecipante bulgaro
all’Eurovision che si trovava a Sheremetyevo, ha postato la sua testimonianza dell’incidente sui social media, spiegando che le persone nello scalo tremavano dalla paura dopo aver visto il velivolo inghiottito dalle fiamme sulla pista.
L’aereo era piuttosto nuovo, pare che la costruzione fosse stata ultimata nell’agosto del 2017. Le autorità hanno
annunciato un’inchiesta sulla catastrofe. Ma fa già discutere il fatto che il principale tg della tv di Stato russa non abbia dedicato l’apertura alla tragedia ma alla situazione in Venezuela.

AGGIORNAMENTO DELLE 23,30

Nell’incidente all’aeroporto di Mosca, dove oggi è atterrato un aereo in fiamme sono morte 41 persone sulle 78 persone che erano a bordo: lo riferisce il Comitato investigativo russo citato dalla tv filo-Cremlino Russia Today.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.