Cooperante Solazzo morto a Capoverde: autopsia conferma il dissanguamento

David Solazzo, il cooperante morto a Capo Verde

FIRENZE – Dissanguamento. I primi risultati dell’autopsia effettuata al policlinico Gemelli di Roma sulla salma di David Solazzo, il cooperante trovato morto sull’isola di Fogo confermano la morte per dissanguamento, come stabilito anche dall’esame autoptico eseguito precedentemente a Capo Verde.

E’ quanto reso noto dal legale della famiglia, avvocato Giovanni Conticelli, in base ai primi esiti dell’esame medico legale. Secondo l’avvocato, anche il medico legale incaricato dalla famiglia avrebbe riscontrato la presenza di tre tagli profondi sull’avambraccio destro del cooperante, quasi all’altezza del gomito. Tagli compatibili con lesioni procurate dalla rottura del vetro di una finestra accanto al portone principale della casa, trovato infranto, o da altri strumenti da taglio.

Sarebbero queste tre ferite, in base ai primi risultati dell’esame, le cause della emorragia mortale. Riscontrati anche altri tagli, più superficiali, sempre sullo stesso avambraccio, ed escoriazioni alle ginocchia. Ulteriori risultati arriveranno da esami istologici ma ci vorrà qualche settimana così come per la relazione del medico legale.

cooperante, David Solazzo, Policlinico Gemelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080