I tre amministratori ritengono che a Livorno e a Piombino ci siano tutte le condizioni perché le due aree, oggi a crisi complessa, possano essere dichiarate ZES, ovvero Zone economiche speciali, e possano godere delle agevolazioni economiche previste dalla normativa, e questo chiederanno in un incontro che vogliono ottenere dal Ministro.