Sea Watch, Salvini attacca Parigi, Berlino e la Capitana: «Si è rischiato il morto»

ROMA – Matteo Salvini attacca Berlino e Parigi. Soprattutto i francesi. Con queste parole: «Difendere i confini nazionali non è un diritto ma un dovere. L’Italia non prende lezioni da nessuno e dalla Francia in particolare: Parigi ha chiuso Schengen, era in prima fila per bombardare la Libia, abbandonava immigrati nei boschi italiani».

Salvini accusa anche la manovra della capitana Carola Rackete:  «Si è rischiato il morto». Il governo starebbe valutando un inasprimento del decreto sicurezza bis dopo quanto accaduto. «Trovo assurda l’escalation di insulti e di toni offensivi registrata nelle ultime ore – commenta il vicepremier Luigi Di Maio – Non capisco l’esigenza di mettere in piedi questo circo mediatico. Uno Stato sovrano – osserva – ha le leggi e le fa rispettare. Punto. La capitana verrà giudicata da giudici sulla base delle leggi dello Stato italiano».

berlino, carola rackete, matteo salvini, parigi, sea watch


Ernesto Giusti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080