Un terzo con contratto a tempo indeterminato

Garanzia Giovani: più di metà dei ragazzi che hanno fatto lo stage hanno trovato lavoro

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

ROMA – Più della metà dei ragazzi che hanno fatto uno stage con il progetto “Garanzia giovani” ha trovato un lavoro, un terzo a tempo indeterminato; è questo il bilancio fatto oggi dal presidente dell’Anpal, Domenico Parisi, del programma finanziato con i fondi europei e destinato ai giovani under 29.

Dal 2015 anno in cui è stato varato al 30 settembre 2018, il piano ha regiostrato sull’apposita piattaforma oltre un milione e 390.000 persone, di queste un milione e 76.000 sono state prese in carico. Sono state oltre settecentoventimila (il 58%) poi i ragazzi che attraverso Granzia Giovani hanno avuto un primo inserimento nel mercato del lavoro, come stage, tirocinio, apprendistato. Il 34,5% della platea ha ottenuto un contratto a tempo indeterminato.
Dopo lo stanziamento iniziale di 1,5 miliardi di euro, Garanzia Giovani nel 2017 è stata rifinanziata per circa un altro miliardo. A queste risorse si aggiungono quelle del Fse (Fondo sociale europeo) e i fondi nazionali, cosicchè la dotazione complessiva è arrivata, tra prima e seconda fase, a 2,8 miliardi. A fronte di queste risorse aggiuntive, l’Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro) ha esteso l’orizzonte temporale di intervento a tutto il 2020.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.