I dati del bilancio 2019 parlano chiaro

Le spese della Camera dei deputati, oltre 1 milione per spese telefoniche e 6 milioni per igiene e pulizie

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Restano molto elevate, nonostante i buoni propositi di riduzione enunciati da Fico e dal M5S, molte fra le spese per i nostri deputati. Dai cellulari alla lavanderia, dal ristorante alle poste. Quanto ci costano dunque in totale i deputati e il ‘condominio’ di Montecitorio?

Spulciando il bilancio di previsione del 2019 si scopre che la Camera paga oltre un milione di euro (1 milione 155mila euro) per ‘spese telefoniche’. Per la precisione: 400mila euro di telefonia fissa, 330mila euro di mobile e 425mila europer la connessione internet. La voce è aumentata del 5,48% rispetto all’anno precedente, quando ammontava a 1 milione 095mila euro.

Per i trasporti (in particolare, aerei, treni, pedaggi autostradali e traghetti) si parla, invece, di un esborso di 10 milioni 700mila euro,importo uguale a quello del 2018.

In lieve calo la spesa per la ‘pulizia’ e ‘l’igiene’ del palazzo: 6 milioni 370mila euro in confronto ai 6 milioni 405mila euro della gestione precedente (- 0,55%). La ‘posta’ comprende, oltre alla ”pulizia” (6milioni 100 mila euro) anche lo “smaltimento dei rifiuti” (245mila euro) e la ‘lavanderia’ (25mila euro).

Oltre 2 milioni di euro (per l’esattezza 2 milioni 095mila euro) vengono utilizzati per i ‘servizi di ristorazione’, dalla mensa al piano terra alla buvette in stile Liberty del piano aula: rispetto al passato, anche in questo caso, si è registrata una riduzione, ma cambia la percentuale, parliamo di un – 2,10%. In calo pure la ‘mobilità’ (- 1,32%): 1 milione 125mila euro, di cui 410mila euro per gli accessi alla Ztl e 25mila euro per ‘noleggio automezzi con conducente’.

Crolla’ pure il prezzo per spedire lettere e raccomandate ( -33,33%): si è passati dai 150mila euro del 2018 ai 100mila euro attuali. Resta invariato, invece, il costo della ‘fornitura di acqua, gas ed elettricità’ (4milioni 650mila euro) e quello dei ‘servizi sanitari’, a cominciare dalle visite di controllo e dai presidi medici (730mila euro), mentre il ‘servizio di facchinaggio’ si riduce del 2,35%: 1milione 660mila euro.

Non cambia la voce ‘aggiornamento professionale per il personale e la formazione linguistica e informatica dei deputati’: stessa cifra dell’esercizio di un anno fa, ovvero, 750mila euro.

In aumento la spesa per i ‘servizi editoriali’ che registra un + 1,12%: parliamo di 4milioni 975mila euro, soprattutto per la preparazione e la stampa degli atti parlamentari.

Con un + 24,24% nel 2019 risulta consistente la ‘spesa per assicurazioni’ (infortuni dipendenti, malattia del personale non dipendente, RC-RCA e copertura missione in zone di guerra): 1milione 025mila euro.

Come nel 2018, anche quest’anno si prevedono 130mila euro per ‘studi e ricerche’, comprese le ‘consulenze professionali’ e  il servizio ‘traduzioni e interpretariato’.

In calo rispetto al passato, la ‘comunicazione istituzionale’ (dalla comunicazione esterna ai servizi fotografici) costa 2milioni 870 mila euro (-1,71%), mentre per i ‘servizi di informazione’ Montecitorio spende 2milioni 995mila euro (-0,33% in confronto all’anno precedente).

Sulle casse della Camera pesano poi i 79milioni 551mila 571 euro per ‘beni, servizi e spese diverse’, cifra che prevede varie voci: dalle consulenze tecnico-professionali (220mila euro) alla ‘spese per le procedure di gara’ (110mila euro) e quelle ‘per concorsi’ (800mila euro), oltre ai 245mila euro per organizzare ‘conferenze, manifestazioni e mostre’. In particolare, spiccano i costi delle commissioni d’inchiesta (500mila euro), in aumento del 12,87%, visto che nel 2018 le ‘previsioni’ eranoferme a 443mila euro. ‘Valgono’ 280mila euro,invece, le ‘Commissioni permanenti, Giunte e Comitati’: questa somma comprende le ‘spese di missione’ (225mila euro) e quelle per ‘convegni e conferenze’ (15mila euro).

Per le “attività internazionali” è prevista una spesa di 1mln 820mila euro (+4% rispetto al 2018), mentre per il cerimoniale si registra un calo del 2,38% con un esborso di 615mila euro.

Fico e il M5S, nonostante i propositi bellicosi, non hanno poi portato benefici sostanziali per la riduzione dei costi del Parlamento. Meditate, gente, meditate

Tag:, , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: