Usa: al via raid anti-immigrati di Trump, proteste dei sindaci

NEW YORK – I raid contro gli immigrati entrati irregolarmente negli Stati Uniti e voluti da Donald Trump sono in corso. Lo riportano i media americani citando un funzionario dell’amministrazione, secondo il quale le operazioni sono scattate ad Atlanta, Baltimora, Chicago, Denver, Houston, Los Angeles, Miami, New York e San Francisco. New Orleans, inizialmente nella lista delle autorità, è risparmiata a causa della tempesta tropicale Barry.

La caccia agli immigrati illegali è scattata, ma in corso non ci sarebbero quei raid massicci promessi dal presidente americano Donald Trump. Secondo quanto riferito da alcune associazioni per la difesa dei diritti civili, i raid sarebbero limitati e contenuti, simili a operazioni di routine. All’interno dell’amministrazione Trump intanto cresce la frustrazione per la decisione del presidente Usa di annunciare pubblicamente e con anticipo i piani dell’Ice, l’agenzia governativa per il contrasto all’immigrazione clandestina. L’annuncio ha messo, secondo indiscrezioni, a rischio le operazioni: gli agenti dell’Ice conducono solitamente le loro operazioni in gran segreto e puntano sull’effetto sorpresa per condurre gli arresti.

Molti sindaci, evidentemente dem, sono scesi in strada con i loro sostenitori per dire no al provvedimento e quindi disubbidire alle autorità federali.

immigrati, raid, Trump


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080